Pizza, quanto mi costi? A Varese la più cara, a Napoli il prezzo più basso

prezzi pizza italia

Pizza, quanto mi costi. Da un capo dall’altro del Belpaese, la differenza di prezzo può essere notevole per uno dei piatti più tipici della cucina italiana: a Napoli, "patria" della pizza, al ristorante si paga in media 6,73 euro, il prezzo più basso d'Italia.

Prezzi popolari nella maggior parte delle città italiane comunque dove sempre in media un menù base con una Margherita e una bevanda si aggira su 9.22 euro, fatta eccezione per i prezzi più bassi di Napoli, come detto il più basso in assoluto, Palermo con 7.53 euro, Vercelli con 7.69 euro e Cagliari con 7.75 euro. In coda Varese, dove per mangiare una pizza si spendono fino a 11.58 euro.

Così secondo i dati diffusi dall’organizzazione di "Napoli Pizza Village" la manifestazione che dal 17 al 25 giugno sul Lungomare Caracciolo di Napoli celebrerà per la settima volta di fila l'Arte dei pizzaiuoli napoletani, candidata a Patrimonio dell’Umanità nella Lista del Patrimonio Culturale Immateriale dell'Unesco.

Sono ben 183.000 pizzerie attive in Italia che danno lavoro a circa un milione di persone coinvolgendo tutta una filiera produttiva per un indotto economico pari a oltre 10 miliardi di euro, i doppio del Pil del Giappone, terza potenza economica al mondo.

Ma quali sono i segreti una buona pizza napoletana? Deve avere un diametro massimo di 35 centimetri, un bordo alto non più di 1-2 centimetri e deve essere elastica e morbida da poter essere piegata tranquillamente "a portafoglio". La cottura di norma andrebbe fatta nel forno a legna in casa meglio il forno ventilato.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO