Occhio alla truffa

mago Troppe truffe, troppe povere persone che cadono nella trappola dei disonesti e coloro che ne fanno le spese sono soprattutto gli anziani costretti a sborsare ingenti cifre a sedicenti maghi o quant’altro. Sorprende il giro d’affari che produce 18 miliardi l’anno e vede raggirati più di 15 milioni di italiani negli ultimi cinque anni. Sono queste le cifre comunicate da Confesercenti che ha condotto uno studio riguardo al numero di truffe in Italia ed esordisce cosi “A fronte di un’Italia che lavora, produce e cresce culturalmente continua a esistere e operare un’Italia dallo scarso senso civico e dalla spiccata inclinazione al raggiro. Un’Italia truffaldina che strumentalizza lo Stato piuttosto che servirlo, ricorrendo ai più ingegnosi artifizi e stratagemmi al fine di produrre quotidianamente piccole e grandi illegalità”.

E' fastidioso dirlo ma purtroppo si stima che all’anno in Italia si verificano 3 milioni di truffe e le denunce sono tantissime ma il problema non sembra migliorare, anzi secondo Confesercenti ogni anno il problema peggiora nel senso che le truffe sono in crescita.
Tra le truffe più frequenti compaiono i raggiri ai danni dell’Ue, dello Stato e delle imprese, frodi telematiche, truffe alimentari, occultismo. Lo studio di Confesercenti si focalizza proprio su queste truffe in quanto le ritiene vergognose. Tale scelta è spiegata per ragioni di “allarme e all’irritazione sociale che tali reati continuano a procurare”.
In particolare, di questi 15miliardi:
5miliardi sono finiti nelle mani dei maghi, 5miliardi in quelle delle mani dei truffatori telematici (tramite web), 3,5 in quelle dei truffatori dello stato, 4,6 miliardi a danno dei commercianti e più di 100 milioni il valore di prodotti alimentari sequestrati.

I più a rischio sono i più deboli, ovvero le persone anziane, che con scuse e finte storielle, vengono raggirati in maniera semplice e senza pietà.
Ma come far fronte ad una situzione che sta diventando sempre più pericolosa e drammatica? La Polizia di Stato, tramite il sito internet, fornisce consigli utili su come non farsi fregare, come capire che si tratta di una truffa, da chi e da cosa diffidare e ribadisce di non dar ascolto a promesse e proposte che fanno diventare ricchi come lo zio Paperone.

Il signor Regala non è ancora nato, le palle di vetro e i tarocchi non sono un rimedio per alleviare problemi o risolvere incomprensioni di coppia. E' anche vero, però, che molte persone si sentono e sono sole e a volte una parola di conforto aiuta. Ma dobbiamo cercare di distinguere: chi ci vuole bene, non ci chiede soldi per ascoltarci, per parlare, per sfogarci. Pagare un mago per sentirci dire che domani andrà tutto bene o che ci ammaleremo gravemente se non lo paghiamo profumatamente sono ricatti che oltre a essere schifosi, perchè lo sono, non risolvono la situazione, anzi,si finisce in un vortice dal quale è difficile uscire. E ci guadagna solo il mago.

  • shares
  • +1
  • Mail