Alitalia, Calenda: situazione complessa. Renzi: proposta entro il 15 maggio

Alitalia ultime novità

Dopo che Ferrovie dello Stato, Banca Intesa SanPaolo e Lufthansa si sono sfilate dall’affaire Alitalia - non sono disposti a intervenire per salvare la compagna aerea dal fallimento, il ministro dello Sviluppo Carlo Calenda parla di situazione “oggettivamente complessa” e della necessità di “ogni contributo di idee” riferendosi evidentemente anche alla proposta per Alitalia che l'ex premier Matteo Renzi ha detto di voler presentare entro il 15 maggio: "è benvenuta la proposta di Renzi, poi la valuteremo, tutte le idee sono benvenute” ha aggiunto Calenda nominato ministro al posto di Federica Guidi proprio dall’ex sindaco di Firenze quando era inquilino di Palazzo Chigi.

"In questo momento l'argomento non è di interesse e la società non è stata contattata da nessuno" ha spiegato il gruppo FS mentre da Intesa, l'amministratore delegato Carlo Messina ha chiarito: "Non esiste un piano B portato avanti da Intesa Sanpaolo. Non abbiamo un piano B e non compete a noi farlo. Noi siamo una banca, un'azienda che si occupa di credito e non di aeromobili".


Ora si attende di capire innanzitutto cosa decideranno gli organi societari di Alitalia che si riuniranno martedì prossimo: “poi faremo tutti i passaggi necessari perché ci sia continuità di servizio per i cittadini e connettività” ha proseguito a dire il ministro dello Sviluppo economico a margine del convegno "Internetday. Uomini, robot e tasse: il dilemma digitale". In ogni caso si rimarrà entro il “ perimetro indicato, cioè non nazionalizzando e riducendo al minimo il costo per i contribuenti".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail