Stipendi, i più alti a Bolzano. La classifica per province

Stipendi classifica per province

La provincia con gli stipendi più alti d’Italia è Bolzano, fanalino di coda per le buste paga è invece quella di Ascoli Piceno secondo il rapporto dell’Osservatorio Statistico dei consulenti del lavoro presentato oggi a Napoli durante l'ultima giornata del congresso nazionale.

Secondo il dossier sono le province settentrionali a occupare i primi 55 posti della classifica per gli stipendi medi più alti d'Italia, infatti la prima provincia del Mezzogiorno dove i lavoratori percepiscono di più in media è L'Aquila con 1.282 euro, mentre Roma si piazza al 57esimo posto.

A Bolzano, dove c’è anche il tasso di disoccupazione più basso del Belpaese, la media è di 1.476 euro mensili, seguono Varese, con 1.471 euro medi, Monza e Brianza (1.456 euro), Como (1.449 euro), Verbano Cusio Ossola (1.434 euro), Bologna (1.424 euro) e Lodi (1.423 euro). Ad Ascoli lo stipendio medio degli occupati è di appena 925 euro. Il tasso di occupazione più basso si ha invece nella provincia di Reggio Calabria (37%).

Pe quanto riguarda il tasso d’occupazione femminile, il più elevato lo fa segnare la provincia di Bologna (66,5%), di contro nel Mezzogiorno il tasso scende sensibilmente, con il più basso registrato nella provincia di Barletta-Andria-Trani, con il 24,1%. Le donne occupate sono il 25,5% a Napoli 25,5% e il 25,9% ad Agrigento.

  • shares
  • +1
  • Mail