Come leggere i contatori di luce e gas

autovettura contatori luce e gas

Come fare l’autolettura dei contatori di luce e gas controllando l'andamento dei consumi senza accontentarsi di quelli stimati, cioè presunti, quelli che l'operatore attribuisce a partire dallo storico dei consumi?

L’autolettura del contatore della luce ad esempio ci fa capire anche l’effettiva potenza che assorbono punti luce, elettrodomestici e altri apparecchi elettrici. Il dato va poi comunicato al fornitore di energia entro la data di scadenza indicata in bolletta. L’autolettura dei contatori di luce e gas è un’operazione semplice e veloce da fare, come spiega il sito Facile.it sia per i contatore tradizionali che per quelli elettronici.

Per quelli tradizionali l’autolettura si rileva leggendo tutte le cifre della finestra trasparente del contatore, prima della virgola e fatta eccezione per gli 0. Le altre cifre non sono rilevanti perché sono relative a decimali di metri cubi.

Nel caso di contatore elettronico bisogna capire prima se si tratta di un dispositivo a lettura multioraria o per fasce orarie, informazione che si trova nei dettagli della bolletta. Per i contatori multiorari si dovranno appuntare numerazioni distinte relative a periodi della giornata differenti da comunicare poi all’operatore, per il contatore monorario i consumi vanno rilevati sull'intero arco della giornata quindi lettura da comunicare sarà una.

In ambo i casi va premuto il pulsante situato vicino il display, finché non compare l’informazione relativa al consumi: facendo la differenza con la precedente lettura si ottiene il consumo da fatturare. Con un contatore di tipo tradizionale della luce invece si devono leggere e comunicare (via sms, telefono o online) solo i numeri prima della virgola.

Per l’autolettura del gas con il contatore a rulli, si devono comunicare solo le cifre a sinistra della virgola, fatta eccezione per gli 0 iniziali; tutte le altre cifre, che ruotano più veloci e possono essere in rosso non servono. Per il contatore del gas a lancette, l'altro tipo più diffuso, si devono leggere e comunicare le cifre intere indicate da lancette e quadranti di colore nero.

  • shares
  • +1
  • Mail