Bollette pagate: per quanto tempo conservarle

conservare-le-bollette

Il caso della fatturazione a 28 giorni invece che a 30 ha (ri)portato a galla la questione: per quanto tempo vanno conservate le bollette pagata di luce, gas, acqua e così via?

Conservare le bollette è sempre buona norma per la difesa dei consumatori da pretese illegittime delle società fornitrici. Ma c'è un termine oltre il quale è inutile conservarle?

Secondo quanto ricorda il sito specializzato guidafisco.it le bollette pagate inerenti servizi pubblici vanno conservate per 5 anni a partire dalla data di pagamento della bolletta. Tempo entro il quale il gestore del servizio può richiedere copia della ricevuta come prova della regolarità del pagamento.

Conservare le bollette: quando il credito non è più esigibile

Dopo cinque anni infatti il credito con la società fornitrice, ammesso che ci sia, cade in prescrizione, non è più esigibile insomma dal gestore e il cliente non ha l'onere di dover dimostrare di aver fatto il versamento.

Invece nel caso in cui la bolletta sia stata smarrita o gettata prima dei 5 anni dalla data del presunto pagamento, il cliente dovrà ripagare la fattura perché non può dimostrare di aver davvero eseguito il pagamento.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 14 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO