Pedaggio autostradale: tariffe su del 2,9% da domani

Da domani, uno gennaio 2013, scattano gli aumenti dei pedaggi sulla rete autostradale in concessione. Incrementi che non saranno uniformi su tutte le tratte (su 4 sono sospesi) e che si calcola raggiungeranno una variazione media del 2,91%, comunque inferiore a quanto chiesto dalle concessionarie che volevano un aumento del 3,9%. Ad essere maggiormente interessati dal balzo delle tariffe le autovie venete (+12,63%), il passante di Mestre (13,55%) e il raccordo autostradale della Valle d'Aosta (+14,44%).

Il Ministero dello sviluppo economico in una nota ha spiegato che i dicasteri delle infrastrutture e dell’economia hanno firmato i decreti interministeriali relativi all’adeguamento dei pedaggi autostradali in applicazione delle norme vigenti e funzionalmente al mantenimento dell’efficienza e delle condizioni di sicurezza per gli automobilisti su tutta la rete. Il Ministero delle infrastrutture chiarisce che:


Per ogni concessione è stata svolta una puntuale attività di controllo e di verifica da parte dalla competente Struttura di vigilanza sulle concessionarie autostradali del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, finalizzata all'accertamento del rispetto, da parte dei concessionari autostradali, dell'esecuzione degli investimenti infrastrutturali e degli interventi di manutenzione previsti dalle convenzioni vigenti.

In via cautelativa il Ministero ha sospeso gli incrementi delle tariffe su 4 tratte cioè Brescia-Verona-Vicenza-Padova, SATAP A4, SATAP A21 e SAT, mentre ha approvato incrementi inferiori a quelli richiesti dalle concessionarie su altre 3: Autostrade per l'Italia, ATIVA e Milano-Serravalle.

Una decisione presa attendendo comunque il:

perfezionamento delle procedure relative ai rispettivi piani economico-finanziari, attualmente in corso di definizione.

Ecco il nuovo tariffario dei pedaggi su tutta la rete autostradale in vigore dal 1° gennaio 2013:


    Asti Cuneo S.p.a. +7,20
    ATIVA - Autostrada Torino-Ivrea-Valle D'Aosta +0,82
    Autocamionale della Cisa S.p.A. +7,39
    Autostrada Brescia-Verona-Vicenza-Padova sospeso
    Autostrada dei Fiori S.p.A +3,70
    Autostrada del Brennero S.p.A. +1,21
    Autostrade Centropadane S.p.A. +5,66
    Autostrade per l'Italia S.p.a. +3,47
    Autovie Venete S.p.A. +12,63
    CAV S.p.A. - Passante Mestre +13,55
    CAV S.p.A.- Tratte autostradali A4 +13,19
    Consorzio Autostrade Siciliane 0,00
    Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. +1,16
    RAV - Raccordo Autostradale Valle D'Aosta S.p.A. +14,44
    SALT - Autostrada Ligure - Toscana S.p.A. +3,93
    SAM - Autostrade Meridionali S.p.A. 0,00
    SAT - Autostrada Tirrenica S.p.A sospeso
    SATAP S.p.a. A4 sospeso
    SATAP S.p.a. A21 sospeso
    SAV - Autostrade Valdostane S.p.A. +11,55
    SITAF - barriera di Avigliana +6,65
    SITAF - barriera di Bruere +4,90
    SITAF - barriera di Salbertrand +6,15
    Strada Dei Parchi S.p.a. +7,56
    Tangenziale Napoli S.p.A. +3,59
    Torino-Savona S.p.A. +2,24

E da domani sale anche il conto della bolletta del gas che aumenta dell'1,7%, incremento che si traduce in 22 euro all'anno, mentre diminuisce quella dell'elettricità (-1,4%) con un risparmio di 7 euro rispetto al 2012.

Foto © Getty Images

  • shares
  • +1
  • Mail