8 sorelle per 8 buoni propositi: miraggi di benzina low cost

caro benzinaDopo mesi di rialzi ingiustificati il prezzo del carburante sembra affacciarsi su un ridente futuro di sconti e assestamenti. Le compagnie petrolifere, incalzate dall'istruttoria aperta dall'Antitrust e dalla pressione del Governo, puntano infatti ad incrementare l'offerta self service

Da nuovi marchi low cost agli accordi con la grande distribuzione passando per gli incentivi all'utilizzo del self service, questi i “buoni propositi” delle 8 sorelle. Tutto, tranne che una riduzione generalizzata del prezzo della benzina.

Dopo la pesante accusa formalizzata dall’Antitrust sulla collusione tra le compagnie petrolifere le magnifiche otto hanno deciso di reagire con una ricetta comune. Puntano decise ad incrementare l'offerta self service Eni, Api, Esso, Shell, con la stessa Eni e Tamoil che guardano anche con interesse ai supermercati e la Erg che, con una comunicazione lapidaria, si impegna ad eliminare tutti i differenziali integrativi per un anno.

Secondo le solite associazioni consumatori la benzina verde più cara d'Europa si acquista nel capoluogo della Campania a 1,455 euro al litro. Secondo Contribuenti.it dopo Napoli, cui spetta il primato europeo, seguono Imperia, Bari, Catanzaro, Verona, Caserta, Pavia, Siena, Torino, Genova e Salerno. Isernia e Campobasso sono invece le città dove la verde è più abbordabile con 1,265 euro al litro.

Che la nostra benzina sia tra le più care d’Europa non è certo una novità ma che la causa sia da attribuirsi non tanto alla solita impennata dei prezzi del petrolio quanto all’incidenza delle maxi-accise e dell'Iva, frutto di un fisco esoso, non è affatto ragionevole.
L'associazione contribuenti italiani ricorda che il costo della benzina verde in Italia al netto degli oneri fiscali e' di 0,470 euro e, tenendo conto che le imposte sul carburante a livello europeo non possono essere inferiori a 0,359 euro, la benzina potrebbe tranquillamente essere venduta a 0,829 euro, rispettando le norme UE. Negli ultimi quattro mesi la benzina verde è aumentata di quasi 192 centesimi al litro, da 1,263 al massimo attuale di 1,455 euro.

Il low cost degli idrocarburi

Tra i buoni propositi delle fantastiche 8 c’è una novità proposta dalla francese Total e dalla Q8. La prima si impegna a promuovere un nuovo marchio commerciale low cost ispirandosi al modello delle proprie stazioni low cost contraddistinte dal marchio Elf presenti in Francia. La seconda punta sul progetto 'Automat', per la realizzazione di punti vendita completamente automatizzati, che si caratterizzano per l'uso del particolare logo 'Q8 Easy'.

Tutte le formule di risparmio

Api
Al fine di incentivare i consumatori all'utilizzo della modalità di rifornimento self-service, propone di impegnarsi a ridurre il proprio listino per le modalità di erogazione self-service post pay (ossia il self-service disponibile nelle ore di apertura del punto vendita) aumentando il differenziale rispetto alla modalità servito di non meno del 10%.

Eni
In una prima fase interverrà su circa 1.000 impianti della propria rete di distribuzione assumendo di fatto la gestione diretta dell'impianto nelle ore di chiusura dell'impianto stesso, ossia quando il medesimo opera in modalità self pre-pay. Eni si impegna anche a sottoscrivere, entro ottobre 2007, con almeno un operatore della grande distribuzione un accordo che consenta di avviare entro tempi tecnici minimi l'attività di distribuzione carburanti presso alcuni punti vendita.

Erg
Lapidario l'impegno della compagnia sul fronte dei prezzi alla clientela: si impegna ad eliminare tutti i differenziali integrativi per un anno (ad eccezione delle isole minori).

Esso
Si impegna a incentivare ulteriormente i consumatori ad acquistare carburante in modalità self-service aumentando il differenziale tra il prezzo raccomandato provinciale self-service ed il prezzo raccomandato provinciale 'servito'.

Q8
La compagnia è in condizioni di implementare in modo significativo il progetto 'Automat', per la realizzazione di punti vendita completamente automatizzati, che si caratterizzano per l'uso del particolare logo 'Q8 Easy'.

Shell
Promuoverà la crescita dei self-service tramite l'ulteriore estensione della sua strategia di servizio combinato (stazioni con modalità sia self-service che servito). C'è anche l'impegno ad aprire 15-20 stazioni di servizio presso gli ipermercati entro la fine del 2009.

Tamoil
Stima che nei tre anni di vigore dell'impegno in esame, complessivamente, gli impianti dati in gestione alla grande distribuzione ammonterebbero a circa 370. Su tutti gli impianti che saranno gestiti dalla GDO a seguito di questo impegno, Tamoil si impegna a garantire l'installazione di attrezzature con il pre-pay.

Total
Si impegna a promuovere un nuovo marchio commerciale low cost ispirandosi al modello delle proprie stazioni low cost contraddistinte dal marchio Elf presenti in Francia. Gli impianti in questione saranno in prevalenza interamente automatizzati.

  • shares
  • +1
  • Mail