I piccoli eroi dei bambini diventano pericolosi

Poveri bambini! Costretti ad abbandonare i loro giocattoli perchè pericolosi, obbligati a lasciare i loro piccoli eroi perchè nocivi alla salute. E chiaramente c’è chi ne deve rispondere, chi deve dare delle giustificazioni a tutti quei bambi che nei loro giocattoli vedevano l’eroe o sognavano di essere come lui. E' la nota Azienda Mattel, colosso mondiale per la produzione di giocattoli in tutto il mondo che da quasi un mese non sta per niente vivendo un bel periodo. Infatti, l’azienda americana è già al terzo ritiro dal mercato dei suoi prodotti fabbricati in Cina e ritenuti pericolosi per la concentrazione di piombo nelle vernici. Quest’ultimo richiamo consiste nel ritiro di 844 mila pezzi, di cui 522mila negli Stati Uniti e 322mila nel resto del mondo. In Italia i pezzi ritirati sono 27.473 e riguardano la linea Barbi (gli accessori, non la bambola) e giocattoli Fisher Price.

Il tutto ha inizio il primo agosto, quando Mattel ritirò dal mercato un milione e mezzo di pezzi della Fisher Price; 14 agosto di nuovo Mattel si vede costretta ad un ulteriore ritiro di 19 milioni di giocattoli in quanto contenenti piccoli magneti che potevano essere ingeriti dai bimbi o perchè tossici. Tra i giochi inquisiti comparivano le bambole Barbie, Polly, Batman: per ognuno di questi tre marchi sono stati infatti ritirati alcuni articoli.
Insomma in cinque settimane, la nota Azienda di giochi ha ritirato per ben tre volte i suoi prodotti per un totale di oltre 20 milioni di pezzi.
Il dito viene puntato contro l’azienda cinese con la quale Mattel collaborava e con la quale ha per ora interrotto i rapporti di produzione in quanto accusata di non aver rispettato gli standard imposti da Mattel con una conseguente produzione di giocattoli tossici e inadeguati ai bambini. Il Direttore della fabbrica accusato di avere prodotto i giochi con vernici tossiche si è ammazzato.

Secondo un’indagine condotta sa Altroconsumo risulta che i giocattoli che dovevano essere ritirati dal mercato (in Italia), sono ancora in commercio sugli scaffali dei negozi: i ritiri dei prodotti annunciati a Ferragosto non sono ancora effettivi. Altroconsumo, infatti, fa sapere di aver acquistato il 16 settembre a Roma presso un noto centro commerciale uno dei giocattoli “proibiti”. Il modello Barbie e Tanner J9472 che non sarebbe più dovuto essere in vendita e sorprende ulteriormente se si pensa che di quello stesso articolo erano in vendita ben cinque pezzi.

E' vero che quando ci sono di mezzo i bambini, e soprattutto la salute non ci sono perchè. I giochi pericolosi vanno assolutamente ritirati dal mercato e il cliente deve essere informato al 100% dei rischi e di cosa fare in caso di contatto con il prodotto pericoloso.

Tuttavia mi sento di dire di non cadere nella tentazione di cancellare totalmente dalla nostra agenda dei consumi il marchio Mattel: l’azienda dei balocchi ha fatto giocare generazioni intere di bambini, ha quasi sempre rispettato gli standard di sicurezza e credo bisogna darle un’altra possibilità.

  • shares
  • +1
  • Mail