Ecco a voi la TV digitale mobile, ma attenzione!

lg-u880-2.gif
Ebbene sì, questa settimana dovrebbero iniziare le trasmissioni della tv "mobile", non la tv sul telefonino, attenzione, ma la tv ricevibile in mobilità.

La tecnologia dvb-h consente infatti di vedere i programmi su ricevitori mobili, ovviamente anche sui telefonini predisposti, ma non si tratta della tv delle compagnie di telefonia mobile.

Cosa implica questa differenza, in apparenza trascurabile ? Beh, il fatto che gli operatori di cui sopra potranno, almeno per il momento, fornire ai loro clienti solo programmi premium a pagamento e dunque si tratterà di tv criptate, diffuse anche attraverso i cellulari.
Il problema, sollevato da Adiconsum, consiste nel fatto che dovrebbero essere garantite gratuitamente sui terminali mobili le stesse trasmissioni ricevibili, sempre gratuitamente, dal televisore fisso e su questo punto si é aperta la lotta.
La regolamentazione di questa tipologia di servizi é stata esaminata dell'Autorità Garante delle Comunicazioni
e, dopo una consultazione pubblica, é stato varato uno schema di provvedimento, poi approvato e sottoposto a consultazione.
Questo regolamento non é piaciuto né ad Adiconsum, né ad altre associazioni di consumatori, perché non é chiara proprio la distinzione tra programmi a pagamento e programmi gratuiti; inoltre non vengono specificati i tipi di costi che dovranno sostenere gli utenti per usufruire di questo servizio. Altre lamentele riguardano la mancanza di garanzie di poter vedere gratis almeno la Rai; l' impossibilità, per molte emittenti, di trasmettere attraverso questa tecnologia, con la conseguente limitazione della libera concorrenza e della libertà di scelta.

  • shares
  • +1
  • Mail