Ryanair vola alto e punta al “no cost”

No cost Anche il low cost è superato. Le nuove strategie commerciali delle compagnie aeree sembrano dirigersi ad ali spiegate verso nuovi orizzonti di mercato. Fucina inesauribile di idee la arci-nota compagnia irlandese Ryanair, che, testimone principale del successo dei biglietti loow cost, ha serie intenzioni sulla “vendita” a costo zero delle poltrone. Suona come una campagna di beneficenza ma naturalmente il vettore conta di guadagnare dall’aumento dei costi dei servizi annessi e connessi (dai pasti all’imbarco bagagli).

Stando al grande progetto commerciale il prezzo del check-in raddoppierà, passando da 2 a 4 sterline (da 2,85 a 5,7 euro) pochi mesi dopo l’introduzione di tale tassa e ci saranno costi aggiuntivi anche per i bagagli più pesanti. «Dobbiamo essere onesti e, quindi, preferiamo anticipare che le tariffe dei bagagli aumenteranno», ha confermato il capo della compagnia O’Leary (v. articolo).

La tassa sul check-in non varrà naturalmente per i pendolari dei cieli, abituati alla prenotazione online e all’imbarco del solo bagaglio a mano. Certo Ryanair i conti in tasca se li sa fare e piuttosto bene visto che da agosto ad oggi solo il 9% dei passeggeri gode di questo privilegio, anche se O’Leary spera di far salire la percentuale al 40% al massimo entro due anni e, stando ai primi sei mesi del 2007.

Ha centrato ancora una volta l’obiettivo degli utili il direttore della compagnia irlandese visti i profitti (lordi) realizzati da gennaio a giugno pari al 23,5%. In positivo anche gli introiti derivanti dai cosiddetti «scheduled services», che comprendono la vendita dei biglietti e i bagagli, sono arrivati a 905 milioni di sterline (quasi 1,3 miliardi di euro), pari al 20% in più rispetto all’analogo periodo del 2006. Bene anche gli incassi dai «servizi aggiuntivi», come la vendita di cibo in volo (sandwich e bibite che costano tre volte il prezzo normale), il servizio di noleggio auto e l’assicurazione di viaggio, che hanno raggiunto i 175,5 milioni di sterline (oltre 251 milioni di euro), segnando un +54%. In altre parole, una sterlina ogni 6 guadagnata dalla compagnia aerea deriva oggi da voci non legate ai biglietti. E per accrescere ancora di più i guadagni, Ryanair sta anche testando un servizio che permetta ai passeggeri di usare il telefono cellulare in volo.

  • shares
  • +1
  • Mail