Finanziaria 2008, salva sul filo di lana

Finanziaria 2008 Emendamenti votati per errore, assenze in aula più o meno strategiche e alleanze politiche appese al sottile filo di una speranza di stabilità, insomma la Finanziaria 2008 sembra ottenere l’approvazione di Palazzo Madama per un’assurda quanto propizia casualità. In attesa del vaglio definitivo della Camera passiamo in rassegna i provvedimenti approvati per “distrazione” al Senato. Tra le principali novità l’adozione di un provvedimento di class action all’italiana ma anche tanto welfare. Dalle maggiori detrazione Ici sulla prima casa, indipendetemente dal reddito del proprietario, agli sconti Irpef a favore degli affittuari e dei giovani che vanno a vivere per conto loro, passando per la riforma della tassazione alle imprese. Questo ed altro ancora quanto previsto dal fantomatico e contestato Ddl.

Durante l'esame a Palazzo Madama e' stato inserito il limite dei ministri a 12 a partire dal prossimo governo, il taglio alle comunita' montane e alle indennita' dei consiglieri comunale e circoscrizionali, l'eliminazione degli enti inutili.
Tra le novita' qualificanti introdotte al Senato, la stabilizzazione dei precari (chiesta dalla sinistra radicale), la riformulazione del tetto allo stipendio dei manager pubblici, con una fase trasitoria che salva i contratti in essere (chiesta dai diniani), l'introduzione della class action voluta da Roberto Manzione (ud).

Casa

Buone notizie per lo sconto ICI che beneficerà di un ulteriore detrazione fino a 200 euro, che si aggiunge alla detrazione gia' in vigore (quella base e' di 103 euro).
Lo sconto si applica indipendentemente dal reddito. Restano fuori dalla riduzione dell'imposta comunale le ville, castelli e gli immobili di lusso. Per il calo del gettito i comuni vengono compensati con trasferimenti dello Stato.
Per quanto riguarda i mutui sulla prima casa aumenta del 10% la cifra degli interessi passivi ammessi alla detrazione del 19%. Si passa dai 7 milioni di lire, indicati nel testo unico delle imposte sui redditi, a 3.976,72 euro.
Vengono prorogate le detrazioni al 36% dell’Irpef per il 2008, 2009 e 2010 sulle ristrutturazioni edilizie e l'Iva agevolata. Sconti fiscali piu' consistenti sono previste per la riqualificazione energetica' degli edifici.
Sgravi per inquilini in affitto:
detrazione Irpef per chi e' in affitto, pari a 300 euro per i redditi sotto i 15.493 euro e a 150 euro per chi ha un reddito maggiore. I giovani tra 20 e 30 anni che vanno a vivere per conto proprio godranno per i primi tre anni di una detrazione piu' alta, pari a 991,60 euro se i loro redditi non superano i 15.493 euro.

Sanità

I soggetti danneggiati dalle trasfusioni per sangue infetto avranno i risarcimenti. Stanziati 180 milioni di euro per il periodo 2008-2017. Le risorse vengono reeperite dall'aumento delle accise sulle sigarette.
Confermata l’abolizione anche per il 2008 del ticket di 10 euro sulle ricette per la specialistica e la diagnostica.

Tassazione delle imprese

L'aliquota Ires scende dal 33% al 27,5% che viene compensata attraverso l'ampliamento della base imponibile (tra cui la stretta sulla deduzione degli interessi passivi).
Tra le novita', e' stata prevista per le imprese la possibilita' di dedurre una quota degli interessi passivi che si formano a seguito dei ritardi dei pagamenti della PA Anche le piccole imprese e le societa' di persone (che versano l'Irpef) possono scegliere l'aliquota del 27,5%, se piu' conveniente, ma solo per la parte di utili reinvestiti.
Concepita anche una riduzione dell'aliquota Irap dal 4,25% al 3,9%.
Per quanto concerne il “forfettone” le microimprese con fatturato fino a 30.000 euro possono optare per una imposta forfettaria sostitutiva del 20%.
Torna l'incentivo per le assunzioni a tempo indeterminato nel Sud. I datori di lavoro che nel 2008 incrementano il numero di lavoratori con contratto a tempo indeterminato in Calabria, Puglia, Sicilia, Basilicata, Sardegna, Abruzzo e Molise hanno diritto per gli anni 2008, 2009 e 2010 ad un credito di imposta pari a 333 euro al mese per ciascun lavoratore. Il credito d'imposta sale a 416 euro nel caso di assuzione di donne.

Spesa pubblica

Passa il provvedimento sul taglio dei ministri, con cui, riprendendo la legge Bassini, il governo non potra' avere piu' di 12 ministri e non dovra' superare il tetto di 60 tra ministri, vice ministri e sottosegretari. Le nuove disposizioni entrano in vigore con il nuovo esecutivo.
Per quanto concerne l’indennità dei parlamentari lo stipendio di senatori e deputati e' bloccato per 5 anni. Stop agli adeguamenti automatici, mentre sulle indennità ai consiglieri niente piu' 'stipendi' per i circoscrizionali e comunali e provinciali. Verra' assegnato un gettone di presenza per la partecipazione a consigli e commissioni. Stretta anche sui rimborsi per le missioni.
Approvato anche il tetto allo lo stipendio dei manager pubblici che non potrà superare quello del primo presidente della Cassazione (274.000 euro). Da questo limite sono esclusi 25 top manager, che decidera' la Presidenza del Consiglio, la Banca d'Italia le Authority di settore. La norma non si applica agli artisti Rai che hanno contratti di prestazione d'opera.
I contratti in essere di tipo privatistico sono esclusi dal taglio fini alla scadenza naturale del contratto. Per i contratti in essere di diritto pubblico e' previsto un taglio graduale che in 4 anni porti gli stipendi entro la soglia fissata.
Maggiore trasparenza anche sugli stipendi RAI, quelli dei dirigenti e dei conduttori dovranno essere comunicati alla Commissione di vigilanza.
Le auto di servizio o auto Blu non potranno superare in media i 1.600 cc (escluse quelle dei vigili del fuoco e delle forze dell'ordine). Gli uffici devono usare la posta elettronica, piu' conveniente di quella cartacea, e per le telefonate si deve usare il sistema Voip (con internet).
Le comunita' montane dovranno essere costituite da non meno di 7 comuni con gran parte del territorio situato ad almeno 500 metri dal livello del mare. Sono inoltre previsti razionalizzazioni e contenimento dei costi per circa 30 milioni di euro nel 2008.

Precartiato

Si precisa che l'accesso ai ruoli della P.A. avviene per concorso. Le singole amministrazioni predispongono un piano triennale per la stabilizzazione di coloro che, con le varie tipologie di contratti precari hanno maturato tre anni di anzianita' di servizio. A coloro che hanno lavorato come co.co.co sarà riconosciuto, al momento dei concorsi, un punteggio in piu'. Anche per i precari in Croce Rossa sono previste le assunzioni con le stesse regole dei lavoratori della PA. Se l'organico della Croce Rossa non presenta posti vacanti, i precari potranno essere gradualmente integrati nel servizio sanitario nazionale.

Incentivi e agevolazioni

30 milioni di euro saranno complessivamente stanziati per gli assegni ad inabili ed orfani per ridefinire i livelli di reddito e gli importi degli assegni ai nuclei familiari con un componente disabile e agli orfani.
Sugli asili nido vengono prorogate la detrazione fiscale del 19% per le spese, fino a 632 euro per ogni figlio, sostenute dalle famiglie per gli asili nido.
Vengono inserite in finanziaria le detrazione Irpef del 19% sugli abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico locale fino ad un importo non superiore a 250 euro, mentre sono confermate le esenzioni dal pagamento del canone RAI per gli over 75 con un reddito familiare complessivo non superiore a 516,46 euro al mese.
Novità in vista per le imprese cui saranno concesse delle agevolazioni anti-racket nel caso in cui abbiano denunciato estersioni sono escluse da eventuali aumenti di aliquota Irap e delle addizionali che le Regioni dovessero decidere per ripianare i loro disavanzi.
Saranno concessi nuovi incentivi alla produzione di energia da fonti rinnovabili. Gli incentivi Cip6 vengono concessi solo agli impianti realizzati e operativi e non a quelli autorizzati ma non ancora realizzati. Eventuali deroghe devono essere definite entro marzo 2008. Il valore medio dei prezzi del metano, ai fini della determinazione del parametro di calcolo per gli incentivi Cip6, e' determinato dall'Authority per l'energia.

Consumatori

Approvata quasi per sbaglio la class actiona ll’italiana. L'azione collettiva risarcitoria entra nell'ordinamento italiano e diventa efficace dal 30 giugno 2008. Le associazioni abilitate sono quelle riconosciute dal Consiglio nazionale dei consumatori e quelle ulteriore previste in un successivo decreto.
L'Osservatorio presso il ministero delle politiche agricole controllerà l'andamento prezzi sulle filiere agroalimentari e segnalerà le anomalie. I dati saranno resi pubblici attraverso i mass media. Previsti anche panieri di generi di largo consumo.

  • shares
  • Mail