Vaccino a costo zero per badanti e baby sitter

vaccino anti influenzale In agguato dietro l'angolo il virus influenzale si appresta alla mattanza invernale. Solo quest'anno metterà a letto, si stima, tra i 3 e i 5 milioni di italiani con il picco previsto tra gennaio e febbraio e la fine per marzo. La previsione arriva dal 24esimo congresso nazionale della Società italiana di medicina generale in corso a Firenze. "Non è possibile stabilire se il virus influenzale sarà leggero o meno perchè in Italia non è ancora stato isolato - spiega Aurelio Sessa del ministero della Salute -. Il consiglio è quello di vaccinarsi, visto che ogni anno vengono registrati 8000 decessi legati alle complicanze dell'influenza".

Seguendo il valido principio zen per cui prevenire è meglio che curare, al vaccino dovrebbero sottoporsi entro fine dicembre le categorie a rischio, cioè anziani e bambini, cardiopatici, diabetici, operatori sanitari. Ma i primi a non vaccinarsi sono proprio medici e infermieri: solo il 20% di loro si sottopone a profilassi.

A rifiutarsi di sottoporsi al vaccino anche le più esposte al rischio contagio. Parliamo delle badanti che si occupano degli anziani e dei bambini, poco informate sui vaccini. Per loro, che svolgono una funzione di assistenza, il vaccino è gratuito, eppure pochi lo sanno, medici compresi. L'esenzione dal pagamento del vaccino anti influenzale non è pubblicizzato ed è quindi spesso ignorato dagli stessi medici di base.

  • shares
  • +1
  • Mail