Assegni: arriva il bollo sui trasferibili!

Signor Bonaventura di Sto 65 ritocchi ben assestati alla Finanziaria che già contava al suo attivo una lista di 6.514 emendamenti presentati alla Camera in commissione Bilancio. Tra le principali novità un bollo da 1,5 euro sugli assegni trasferibili e cento euro al mese per le famiglie con quattro figli o più.

Bollo sugli assegni trasferibili
Arriva il bollo sugli assegni, ma solo se “liberi”, cioè per quelli rilasciati senza la scritta 'non trasferibile'. E' quanto prevede un emendamento del governo alla legge finanziaria. Il 'balzello' e' di 1,5 euro, vale per 'ciascun modulo' e scatterà dal 30 aprile 2008. L'emendamento - viene spiegato - 'mira a inserire un nuovo articolo nella tariffa dell'imposta di bollo al fine di coordinare le disposizione introdotte dalla normativa attuativa sull'antiriciclaggio.

Assegni alle famiglie numerose
Varrebbe per tutti, senza limiti di reddito: 1.200 euro all’anno o in forma di sgravio Irpef aggiuntivo, o in forma di assegno per gli «incapienti» (redditi troppo bassi per pagare l’Irpef).

Il costo, calcolato dal ministero dell’Economia, è di 158 milioni di euro; risulta infatti che le famiglie con 4 o più figli siano ormai in numero ridotto, circa centotrentamila in tutto il Paese.

Isvap, class action e mutui
Sarebbe immediato il passaggio della "vigilanza" sulle assicurazioni dall'Isvap a Banca d'Italia e Consob. Confermate le misure su class action, a cominciare dal filtro preventivo, e sulla portabilità dei mutui, estesa a tutti (mutui frazionati ovvero stipulati dal costruttore, compresi) e senza costi.

Gas e rigassificatori
Percorso semplificato per rendere più facile la costruzione di rigassificatori e aumentare la capacità di quelli esistenti facendo leva sulla «natura unitaria del procedimento di autorizzazione e i suoi rapporti con la Valutazione di impatto ambientale». Ma nella maggioranza non tutti sono d'accordo. Il governo accelera sulle procedure per introdurre più concorrenza nel settore della distribuzione del gas.

Altre misure
Il Governo propone nuove misure sull'espropriazione dei beni e il ripristino del «deposito per soccombenza» in Cassazione (soppresso nel '77). Sale dall'1 al 2% la soglia rilevante per le partecipazioni nelle Siiq (società di investimento immobiliare quotate) e cambiano le regole sulla ritenuta sui dividendi per garantirne l'operatività. Per il reclutamento degli insegnanti si dovrà tenere conto anche dei requisiti formativi.

  • shares
  • +1
  • Mail