Caro Babbo Natale...fammi spendere di meno!

E' tempo di Natale, di dolci e di compere e come ogni anno, puntualmente ecco che gli italiani, come il resto del mondo, si trovano a fare i conti con il portafoglio. Si, perchè il Natale non è solo un momento di festa da trascorrere in famiglia o con amici, ma è anche sinonimo di dolci, grandi abbuffate, regali e chili in più che saranno maledetti una volta terminate le feste. Ma ancor più di tutto, Natale è sinonimo di consumo, spesa e corse da un negozio all’altro alla ricerca di regali, il che porta a mettere la mano al portafoglio. E qui iniziano i dolori. Ogni anno che passa il costo delle spese natalizie aumenta e anche il 2007 ha visto un rincaro dei prezzi per gli articoli natalizi.
Dall’anno scorso infatti i prezzi sono aumentati, in particolare: il prezzo del panettone, tipico dolce natalizio, è aumentato del 9% , il pandoro del 12%, il salmone del 6%, anche il prezzo del torrone è salito in modo significativo aumentando del 7%, cotechino e zampone del 35% e le lenticchie del 4%.

Se consideriamo tutti gli altri beni natalizi come gli addobbi per la casa, il presepe, l’albero di natale e le altre decorazioni, anche in questo settore si riscontra un aumento dei prezzi: un albero di natale sintetico di 90 cm. costa 18,00 euro, un aumento del 20,8% in più rispetto al 2006 quando costava 14,90 euro, invece un albero di natale da 210 cm. costa 34,90 euro mentre l’anno scorso il prezzo era 24,90 euro. Per quanto riguarda gli addobbi per le decorazioni si è verificato un’inflazione nel prezzo, infatti una ghirlanda decorativa di due metri di lunghezza costa 3,50 mentre l’anno passato era 3,00.
A rendere meno triste la situazione è il mercato dei giocattoli che, diversamente da quanto si possa pensare, non ha visto un aumento dei costi. Ma non facciamoci ingannare: biciclette, peluche e auto radiocomandate costano come l’anno scorso, invece le bambole hanno visto un aumento del 7,8%.

Infine, salgono i prezzi dei lettori mp3, scende invece il prezzo del lettore cd portatile ( -8,3%,) del rasoio elettrico (-8,4%), della fotocamera digitale (-9,1% ) e del televisore Lcd da 20 pollici (-10,6%).

E per capodanno? Anche l’ultimo dell’anno non ci dà tregua: lo spumante è salito del 25 %, il vino del 17% e il Prosecco del 16%.

Non ci resta che confermare ancora una volta che il Natale è proprio la festa dei bambini: giocano con i nuovi regali e non sanno che mamma e papà anche quest’anno brinderanno all’anno nuovo con il portafoglio più leggero!

Per i dati dei prezzi vedi articolo pubblicato su Metro a pg.15 del 3 dicembre 2007

  • shares
  • +1
  • Mail