Internet ad alta quota, la rete mette le ali!

Wi-fi Un primato, neanche a dirlo, tutto americano quello che porterà Internet nell’alto dei cieli. La notizia riguarda al momento solo gli utenti americani del Blackberry che tra pochi mesi saranno in grado di ricevere email sul proprio dispositivo palmare in un luogo sino ad ora off-limits: a bordo dell'aereo (v. articolo).

L’esperimento avviato dalla Jet Blue consentirà di accedere da palmare alla connessione Internet a banda larga durante il volo. La novità nello specifico non riguarda tanto la possibilità di connettersi quanto la tecnologia utilizzata, non più fornita dal Satellite ma dalla rete cellulare a terra.

Ad avere la “testa tra le nuvole” è la società AirCell, il cui amministratore delegato, sostiene che sarà sufficiente agganciarsi ad appena 90 ripetitori telefonici per coprire le rotte aeree sull'intero territorio americano, consentendo di applicare tariffe di connessione per i passeggeri a prezzi ragionevoli, circa 10 dollari.

Nelle prossime settimane, diverse compagnie aeree americane cominceranno a offrire ai loro passeggeri l’accesso a internet durante il volo. A dare inizio alle danze, da martedì, la compagnia low-cost JetBlue, che lancerà un servizio di posta elettronica ‘volante’.
Il servizio, che comprenderà anche la possibilità di comunicare via instant messaging, sarà gratuito.
Dopo il debutto di JetBlue, i servizi internet ad alta quota verranno lanciati anche da altre tre compagnie: American Airlines, Virgin America e Alaska Airlines, che secondo il New York Times offriranno accesso a internet al prezzo di 10 dollari per l’intero volo a partire dal 2008 (v. articolo).

  • shares
  • +1
  • Mail