Live Gamer, la borsa nera virtuale diventa reale!

Nirvana Un mercato online “sicuro” per lo scambio di beni virtuali tra giocatori incalliti del Web, questo è Live Gamer. Piattaforma nata da una start-up che intende contrastare il mercato nero della compravendita di armature, bonus e armi per i giochi di ruolo, Live Gamer conduce una crociata senza precedenti contro l’illegalità “virtuale”, prevenendo danni assolutamente reali!

Nato per gioco, il business degli accessori ai personaggi virtuali è diventato un’allarmante realtà che alimenta un dilagante mercato nero online fomentato da oscuri contrabbandieri della rete. Si mormora che in Cina si siano sviluppate delle associazioni a delinquere che sguinzagliavano eserciti di teenager con lo scopo di accaparrarsi i bonus per i giochi di ruolo. Il responsabile dell’organizzazione o “gold farmer” raccoglie i bonus e li rivende a caro prezzo sul mercato nero.

Il business illegale si aggira intorno ad un fatturato complessivo di 2 miliardi di euro. Un traffico virtuale che specula sulla passione di molti giocatori, colpevoli di voler abbellire i propri avatar o mondi digitali.
A questo “traffico illecito” Live Gamer ha contrapposto un modo per permettere ai creatori di oggetti di vendere in modo sicuro e garantito ricavando il 90 per cento del guadagno. Il 10 per cento finisce invece alla start up, che divide con i pubblicitari che finanziano l'impresa, a fronte della sicurezza garantita della transazione.

Tutto questo non deve stupire, del resto i furti virtuali già sono considerati reati reali, come è accaduto nel caso di un ragazzo frequentatore del mondo di Habbo Hotel, che ha trafugato oggetti di lusso rubando le password altrui e trasferendo beni da un soggetto virtuale all'altro. E, a testimoniare il ricco mercato di oggetti in pixel, si può citare un caso su tutti: qualche settimana fa un giocatore ha venduto per 5 mila dollari il proprio avatar – dotato di una certa esperienza e di un buon numero di armi – di World of Warcraft (v. articolo).

  • shares
  • +1
  • Mail