Assicurazione casalinghe, gratis per due settimane

Assicurazione casalinghe Un’offerta promozionale di inizio anno targata Inail, quella che dal 21 gennaio per due settimane consentirà alle casalinghe di usufruire gratuitamente dell’assicurazione domestica.

Per approfittare dell’offerta sarà sufficiente recarsi presso alcuni punti vendita delle imprese aderenti a Federdistribuzione.

L'iniziativa congiunta di Federdistribuzione con le associazioni delle casalinghe (Federcasalinghe e Moica), sostenuta dall'Inail, vedrà una fase sperimentale focalizzata solo sulla sottoscrizione dell'assicurazione obbligatoria gratuita per gli aventi diritto. Sono coinvolti nell'operazione circa sessanta grandi punti vendita, distribuiti sull'intero territorio nazionale. Grazie al protocollo, dal 21 al 31 gennaio, spiega l'Inail, sarà possibile effettuare l'invio dell'autocertificazione ed iscriversi on line anche attraverso i punti informativi allestiti da Moica e Federcasalinghe all'interno di alcuni supermercati della grande distribuzione, utilizzando una procedura informatica messa a punto dall'Inail.

Cos’ l’assicurazione casalinghe?
In Italia dal 1999 le casalinghe tra i 18 e i 65 anni hanno l'obbligo di stipulare un'assicurazione contro gli infortuni in ambito domestico tramite il versamento all'Inail di un premio annuo pari a 12,91 euro, a meno che non siano al di sotto di una determinata soglia di reddito. In questo caso il premio è a carico dello stato e l'assicurazione obbligatoria diviene gratuita.

Quanto costa?
Costa 12,91 euro all’anno e si paga tramite bollettino Inail che arriva a casa agli iscritti o può essere reperito presso le sedi Inail, gli uffici postali, le associazioni di categoria (Federcasalinghe, Moica, Scale Ugl), gli enti di patronato.
Per alcune persone l’assicurazione è gratuita: la paga lo Stato a tutti coloro che hanno un reddito personale lordo annuo non superiore a 4.648,11 euro e appartengono a un nucleo familiare il cui reddito complessivo non superi 9.296,22 euro. Per ottenere l'agevolazione basta autocertificare la propria condizione all'Inail.

Chi la deve pagare?
Chi inizia le cure domestiche deve presentare domanda di iscrizione all’Inail. L’assicurazione è obbligatoria per le persone che prestano lavoro domestico in modo abituale ed esclusivo (e quindi non sono assicurate per la pensione) e hanno tra i 18 e i 65 anni. Nell’ambito dello stesso nucleo familiare si possono assicurare più persone (ad esempio: madre e figlia).

Cosa copre?
Sono assicurati gli incidenti che avvengono in casa, compresi giardini, cantine, balconi. Sono assicurati anche gli infortuni dovuti alla presenza di animali domestici, quali cani, gatti, pappagalli, criceti, conigli, ecc, che vivono abitualmente in famiglia.

Rendita
L’Inail paga una rendita mensile, a patto che l’infortunio abbia causato una inabilità di almeno il 27% (intesa come perdita della capacità di lavoro). E’ tutelato anche l’evento morte: in questo caso la rendita è pagata ai familiari superstiti.
La rendita è più o meno alta in relazione al grado di inabilità. Si parte da 148,33 euro al mese per arrivare (inabilità al 100%) a 1.030 euro. Sono somme nette, esenti dal fisco, e quindi neanche da inserire nella denuncia dei redditi.

  • shares
  • +1
  • Mail