Elezioni politiche 2013: le proposte dei partiti sulla salute


Il centro-sinistra promette di fermare i tagli al Sistema Sanitario Nazionale. Stop ai tagli lineari della spending review anche se bisogna continuare ad aggredire le sacche di spreco e le inefficienze clientelari. Per questo bisogna tenere i partiti al di fuori dalle nomine e stop al federalismo spacca Italia.
Sui nuovi ticket (2 miliardi in più dal 2014) i partiti del centro sinistra tirano il freno a mano: l'alternativa è tra la loro cancellazione o il tenerli in vita legandoli ai redditi. Per sostenere l'industria farmaceutica è necessario dar vita ad una programmazione almeno triennale.

In tema di salute il programma del Pdl + Lega è piuttosto scarno. Il Pdl vuole puntare ad un riequilibrio tra pubblico e privato, rilanciare la legge sul biotestamento e riformare la legge Basaglia - quella per intenderci sui manicomi. Il Carroccio invece si concentra su federalismo e fa dei costi standard la sua bandiera.

I partiti che sostengono Monti vogliono salvare l'universalità delle cure da realizzare attraverso un forte recupero di efficienza del settore. Per questo sarà necessario rinnovare in profondità la sanità. I ticket verranno sostituiti da un sistema di franchigie legato al reddito Isee.

L'idea poi sarebbe quella di far tornare allo Stato la quasi piena competenza sulla salute,  far conoscere al pubblico la qualità delle prestazioni di ogni ospedale, e riconoscere il volano dell'industria farmaceutica e della salute come creatrice di ricchezza e lavoro.

Il Movimento Cinque Stelle vuole garantire a tutti equità e universalità di cure, da ottenere promuovendo, ad esempio, farmaci fuori brevetto, e prescrivendo solo per principi attivi. E poi vogliono stabilire tetti massimi per l'attività privata di medici che lavorano nel pubblico

I grillini vogliono la possibilità di donare l'8 per mille alla ricerca medico-scientifica e finanziare la ricerca indipendente attingendo le risorse da una riduzione della spesa militare.

 

  • shares
  • +1
  • Mail