Vacanze a Venezia? Solo su prenotazione!

Ecopass a Venezia Dopo il capitolo della tassa sul lusso in Sardegna è la volta della bella città lagunare che tutto il mondo ci invidia: presto anche le vacanze a Venezia dovranno essere prenotate pena il pagamento di un balzello.

Si chiamerà eco-pass, come il pedaggio dovuto all’ingresso del capoluogo lombardo, il balzello per accedere al ponte della Libertà. L’iniziativa è al momento solo un’ipotesi azzardata dall’assessore comunale alla Mobilità, Pietro Mingardi, sulle pagine del Gazzettino, giornale che sull'argomento ha promosso un referendum tra i lettori.

Secondo il progetto, gli autobus turistici con prenotazione verrebbero fermati prima del Ponte della Liberta, nell'area cosiddetta dei Pili, mentre lo stesso Ponte diverrebbe percorribile ai mezzi di chi non ha prenotato solo con il pagamento dell'ecopass.
Tutto questo si inserisce, precisa l'assessore Mingardi, in un progetto complessivo volto a controllare gli afflussi nella città lagunare, prevedendo anche un tariffario differenziato per l'accesso nei diversi periodi dell'anno.

Le tariffe per le prenotazioni saranno differenziate a seconda delle stagioni. Di conseguenza, per entrare a Venezia, si pagherà meno nei mesi di bassa stagione e di più quando l'afflusso è elevato come a Carnevale o in piena estate.

  • shares
  • +1
  • Mail