Mutui: una nuova guida sul trasferimento

Mutuo informato Istruzioni per un uso consapevole e informato: questo l'obiettivo della seconda «Guida per il cittadino. Mutuo informato» realizzata dal Consiglio nazionale dei Notai assieme a un gruppo di associazioni dei consumatori.
Alla sua seconda edizione il vademecum fornisce regole certe su portabilità o surrogazione, rinegoziazione, cambio o mutuo di sostituzione, insomma tutte le novità sul tema, costi e vantaggi introdotti dal decreto Bersani-bis e dalla Finanziaria 2008.

Rinegoziazione
L’accordo tra banca e cliente riguarda principalmente il tasso e/o la durata. La legge Finanziaria 2008 (l. 244/2007) ha stabilito che è sempre possibile per la banca e il debitore variare senza spese le condizioni del contratto di mutuo mediante scrittura privata anche non autenticata. E nei casi in cui la banca richieda la formalizzazione della rinegoziazione in forma notarile o autentica, il Consiglio Nazionale del Notariato ha comunicato la disponibilità a una concreta riduzione dei compensi dovuti (v. comunicato).

Portabilità
La portabilità (o surrogazione), introdotta dalla legge 40/2007, prevede che il mutuatario possa accordarsi con una nuova banca per avere un altro mutuo con cui estinguere quello con la banca originaria che non può opporsi. Il nuovo prestito sarà garantito dalla stessa ipoteca già concessa a garanzia del mutuo originario.

E’ inoltre sempre possibile, per usufruire di condizioni più favorevoli, ricorrere al mutuo di sostituzione: estinguere il vecchio mutuo per accenderne uno nuovo presso la stessa o un’altra banca. Anche se in questo caso il cittadino dovrà considerare i non trascurabili costi.

La Guida è consultabile sul sito dei notai (www.notariato.it) e delle associazioni dei consumatori, oltre che in distribuzione presso ogni studio dei 5.000 notai italiani.

  • shares
  • +1
  • Mail