Detassazione degli straordinari: lavorare di più costerà meno!

Detassazione straordinari Con una durata sperimentale di 6 mesi la detassazione degli straordinari e dei premi produttività costerà 1 miliardo di euro al governo che l’applicherà nel primo periodo ai dipendenti privati. La misura verrà introdotta ufficialmente a dipendenti pubblici e privati, secondo le voci di governo, a partire dal 2009 con il varo della nuova finanziaria.

Come e per chi funzionerà?

Verrà introdotta da giugno a dicembre un’aliquota minima unica al 10% sulle ore di lavoro straordinario o variabile (straordinari, premi e incentivi, ecc.) nelle imprese private fino a un massimo di 3mila euro.
La detassazione sarà applicata a tutti i lavoratori dipendenti con reddito lordo 2007 fino a 30mila euro.

L'obiettivo è quello di sottrarre al prelievo fiscale tutte le parti di retribuzione non fisse in busta paga, sostenendo in particolar modo lo sviluppo dell'autonomia nel lavoro e premiando la produttività. Il provvedimento intende anche agevolare la parità dei sessi tra i lavoratori, annullando le discriminazioni salariali.

Grazie alla tassazione separata, tra l'altro, gli straordinari e i premi di risultato non saranno accumulati all'imponibile fiscale per il calcolo dell'addizionale regionale e comunale.

  • shares
  • +1
  • Mail