Incentivi alle rinnovabili: promesse al vento!

Incentivi rinnovabili2008: la Finanziaria promette ma non mantiene. Parliamo delle tariffe incentivanti per la produzione di energia da impianti a fonte rinnovabile.
Il sistema incentivante riconosce tariffe omnicomprensive per impianti a fonti rinnovabili sotto il megawatt di potenza, particolarmente utili per gli impianti di minieolico.

La tariffa
A partire dal 1 gennaio 2008 per nuovi impianti di potenza inferiore a 1 MW è possibile infatti optare, in alternativa ai certificati verdi, per una tariffa incentivante fissa onnicomprensiva, anch'essa distinta per ciascuna fonte, per un periodo di 15 anni, dando così nuovo slancio alla generazione di piccola taglia.

Tra queste tariffe c’è quella pari a 0,30 €/kWh, della durata di 15 anni (art. 2 comma 145), per la produzione di elettricità da impianti eolici con potenze fino a 200 kW.

La legge
Cosa manca all’attuazione del provvedimento? Un semplice decreto attutativo come previsto dalla Finanziaria, che indichi le modalità per l’estensione dello “scambio sul posto” a tutti gli impianti alimentati con fonti rinnovabili di potenza nominale non superiore a 200 kW di potenza.

Senza i provvedimenti attuativi gli impianti ad energia rinnovabile di piccola taglia e, in particolare, il minieolico realizzati fino ad oggi vengono infatti penalizzati. In questo settore, ad esempio, gli investimenti sono fermi e le aziende non sono in grado di avviare nuovi programmi che sviluppino il potenziale tecnologico e di mercato di questa tecnologia, con conseguenze in termini industriali e occupazionali (v. comunicato).

  • shares
  • +1
  • Mail