In Italia le spiagge più “bollenti” d’Europa

Spiagge care Si classifica al terzo posto per il mare più salato d’Europa il nostro paese. Noleggiare una sdraio costa caro, decisamente oltre la media europea. Ci superano sul fronte tariffe solo Francia e Germania, mentre i servizi più economici vengono offerti dagli stabilimenti balneari inglesi. I dati sono frutto di una rilevazione condotta da Expedia, società che si occupa di turismo via Internet, in quattordici paesi europei, secondo cui nel nostro paese il prezzo giornaliero medio per il noleggio di uno sdraio in uno stabilimento balneare è di 7,55 euro, contro i 7,65 della Germania, i 12,50 della Francia. In Europa, la media è di di 6,07€, prezzo che viene superato anche in Portogallo e Olanda.

Nord Europa low cost
Per evitare “scottature” in vacanza il turista parsimonioso dovrà recarsi nel Nord Europa, dove la sdraia in molti casi non si paga.
Non gratis, ma abbordabili sono le sdraio della Gran Bretagna. Sulle ghiaiose spiagge della regina, la sedia pieghevole costa 3,10 euro al giorno.
La costa baltica è più economica di quella che si affaccia sul Mare del Nord, rispettivamente: di passa da 5 a 8,30 euro.
Restando da quelle parti, stravaccarsi su una sdraio costa 4,75 euro in Belgio e 6,15 in Olanda.

Mediterraneo
Rimanendo sul Mediterraneo per poter risparmiare si dovranno scegliere mete come Grecia (4,10 euro per una sdraio), Croazia (4,20 euro), Spagna (4,30 euro) e Turchia (5,50 euro).

Il mare rimane comunque uno dei luoghi privilegiati di villeggiatura. Il 72% trascorrerà le vacanze in Italia e la Spagna si conferma la destinazione preferita. La spesa complessiva per le vacanze sarà di 35,5 miliardi di euro, il 10% in più del 2007. In aumento i viaggi last minute e le vacanze in treno, traghetto e pullman. Se, dunque, il 57% degli italiani è pronto per un tuffo in mare o una passeggiata in montagna, un altro 24% resterà a casa ed un 19% sarà indeciso fino all'ultimo.

  • shares
  • Mail