Servizi self service, i più amati dagli italiani!

Self service Agli italiani piace il fai-da-te. 7 consumatori su 10 nel nostro paese scelgono infatti servizi self service, stando alla terza edizione della ricerca annuale condotta per NCR da BuzzBack Market Research sulla percezione e sull’utilizzo delle tecnologie self-service da parte dei consumatori nei settori bancario, retail, travel e healthcare.

I dati evidenziano uno scostamento significativo tra la propensione al self service nel nostro paese (71%) ed il resto d’Europa (media del 67%).

7 italiani su 10 affermano di preferire le società che offrono i propri servizi anche in opzione “fai da te” – sia attraverso collegamento Internet, cellulare e altri supporti mobili, chioschi e sportelli automatici. L’offerta di servizi in modalità self-service crea una percezione più positiva del brand della società che li eroga, contro una media europea del 58%. I consumatori italiani confermano quindi la loro maggior propensione al self-service soprattutto rispetto a Francesi (54%) e Tedeschi (46%).

Strategie di fidelizzazione
Questo dato è particolarmente significativo perché sottolinea come l’offerta di servizi self-service favorisca una maggiore fidelizzazione degli utenti.
La ricerca mostra infatti che, per migliorare la propria esperienza complessiva, i consumatori italiani desiderano utilizzare i servizi self-service attraverso soluzioni multicanale che comprendano il cellulare o PDA, Internet e altri punti di contatto come sportelli automatici, dispositivi di self-checkout, chioschi, etc.. Il 99% degli Italiani affermano di essere interessati a utilizzare una combinazione di questi canali self-service per gestire le proprie transazioni nei settori retail, travel e alberghiero, il 98% nel settore healthcare e il 97% nel settore bancario. “Quando sono in banca o in viaggio, mentre fanno shopping o devono prenotare una visita medica, la maggior parte dei consumatori vorrebbe e si aspetta di trovare dispositivi self-service che migliorino la loro esperienza complessiva”, ha aggiunto Ballarini. “Lo sviluppo di una strategia multicanale, che comprenda diversi punti di contatto con il consumatore presso il punto vendita e tramite Internet e il cellulare, diventa quindi fondamentale per le aziende che vogliono accrescere il proprio vantaggio competitivo.”

  • shares
  • +1
  • Mail