Piazza Affari lima le perdite su speculazioni accordo Pd-Pdl

La Borsa di Milano chiude con l’indice Ftse Mib in calo dello 0,92% a 15.353 punti ma nel pomeriggio riduce le perdite sulla scia di voci, ma sarebbe più corretto parlare di speculazioni, che danno come possibile un accordo o qualcosa di molto simile tra Pd e Pdl dopo l’ennesimo niet dei Cinque Stelle a dare la fiducia a un governo Bersani. L’effetto Cipro non è affatto passato e a Piazza Affari va giù tutto il comparto bancario. Monte dei Paschi perde il 4,29%, Popolare Emilia il 4,24%, Mediobanca il 3,59%. Va giù anche Popolare Milano (-3,43) nei giorni scorsi in controtendenza per l’accelerata sulla trasformazione in società per azioni.

Un trader sentito da Reuters commenta:

Gli investitori pensano che la formazione di un governo sia ormai vicina. Bersani lo vuole anche a costo di fare un accordo con il centrodestra.

A un mese dalle elezioni lo stallo politico comincia a pesare di più sul mercato secondario. Oggi lo spread Btp-Bund chiude in rialzo a 350 punti base, sui massimi da 30 giorni a questa parte. Il tasso del Btp sale al 4,77%. Il differenziale Bonos-Bund chiude invece a 379 punti base, con tasso del decennale spagnolo al 5,055%.

E in tutta Europa persiste il clima di sfiducia per la soluzione alla crisi cipriota con lo spettro della possibile applicazione del modello di salvataggio usato per l’isola ad altri paesi dell’area euro in difficoltà. La Borsa di Francoforte chiude in calo dell'1,15%, Dax a 7.789,09 punti. Alla Borsa di Parigi l'indice Cac 40 perde a fine contrattazioni lo 0,99%, a 3.711,64 punti. Non va meglio alla Borsa di Madrid in calo dell'1,13%, con l’Ibex a 7.900 punti. Contiene le perdite Londra che chiude in ribasso dello 0,18%, Ftse-100 a 6.387,56 punti.

Piazza Affari in rosso dopo l'asta sui Bot


Piazza Affari

che aveva aperto la seduta poco mossa - con l’indice Ftse Mib in lieve rialzo dello 0,05% a 15.503 punti - ripiega dopo l’esito dell’asta sui Bot a 5 e 10 anni, la prima dopo le voci di downgrade del nostro debito sovrano da parte di Moody’s. I titoli quinquennali hanno fatto registrare rendimenti in aumento dal 3,59% al 3,65%, mentre il tasso del Bot decennale è sceso al 4,66% dal 4,83%. La Borsa milanese verso fine mattinata perde così l'1,5% trascinata giù dai bancari.

Sull'andamento di Piazza Affari, pesa anche lo spread Btp-Bund tedeschi a 10 anni: su quota 331 punti in apertura, sale a quota 346,6 punti base intorno alle 13. E le altre maggiori borse europee dopo un avvio positivo, sotto la persistente influenza negativa della crisi di Cipro, sono deboli quando non in territorio negativo, come Parigi e Madrid, con perdite anche qui intorno all'1,5%. Sul mercato dei cambi la moneta unica europea scivola sotto 1,28 sul dollaro: è la prima volta negli ultimi 4 mesi.

(in aggiornamento)

  • shares
  • +1
  • Mail