Auto: i costi si impennano!

Costi auto Vuoi il petrolio, vuoi i costi di revisione o il carovita il mercato dell’auto non sembra passare un buon periodo. Il bilancio dei primi 8 mesi evidenzia infatti valori di flessione meno pesanti ma comunque certamente degni di attenta riflessione: 1.531.598 immatricolazioni (-12% rispetto alle 1.741.322 degli 8 mesi 2007), circa 1.400.000 ordini (il 18% in meno) a conferma di un trend che risale ormai all'inizio del 2008…ma quali sono i motivi del tracollo del settore?

Quanto costa mantenerla?
Carovita e aumenti continui non sembrano dar tregua da 8 anni a questa parte agli sfortunati automobilisti, che stando allo studio dell’ACI, sarebbero stati colpititi su tutti i fronti. Partendo dall’indice dei prezzi al consumo, che è variato, in 8 anni, del 20.68% e da un indice di inflazione arrivato al 4,1% si arriva ad analizzare i costi veri e propri del mantenimento auto.
I rincari delle quattro ruote riguardano infatti il passaggio di proprietà, aumentato del 15.6% in più rispetto al 2000, i pneumatici nuovi più cari dell’11% rispetto ad 8 anni fa.

Aumentata anche la manutenzione ordinaria e straordinaria dell’auto: passare dal meccanico, oggi, costa il 22%. Se poi si aggiunge un incremento del 22% anche nel costo degli accessori (lampadine e ricambi vari), allora il conto finale diventa salato.

Poi, non esiste auto senza parcheggio. E se è fortunato chi ha il posto gratis, magari sotto casa, chi deve fare i conti con la sosta a pagamento, se l’è vista male in questo 8 anni: 19% è il totale dei rincari, dei quali il 2.36% solo nell’ultimo anno per pagare garage e strisce blu. Ma la voce più alta di spesa? I carburanti, naturalmente. Che da febbraio 2007 a febbraio 2008 (periodo di osservazione) sono schizzati al +31.6%. un vero salasso! E non si pensi che vada meglio con quelli alternativi: gas e metano, in 8 anni, hanno registrato un aumento del 42.5%. Forse che la bici riscoprirà una nuova era di splendore?

  • shares
  • +1
  • Mail