Italiani e prepagate, amore a prima vista!

Carte prepagate Spopolano nel nostro paese le carte prepagate. Vuoi perché più sicure o semplicemente perché più economiche queste “carte di credito” registrano un vero e proprio boom di utilizzo (+46,3%) e diffusione (+30,1%) nel 2007.
E così quelle che sembravano le 'sorelle minori' delle carte di credito sono ormai arrivate, attesta l'Osservatorio Assofin-Crif-Eurisko, a 5,8 milioni. Un tasso di crescita di gran lunga superiore a quello delle carte di credito tradizionali (+10,3%, comunque il più alto degli ultimi quattro anni) e di quello delle carte revolving (+7,7%). All'aumento delle carte di credito corrisponde una riduzione del 6 per cento dell'utilizzo degli assegni.

Identikit dell’utenza
Piacciono principalmente ai giovani questi strumenti di pagamento. Adatte agli acquisti online le carte prepagate evitano tutti i rischi legati all’intrusione del conto corrente. In genere l'importo medio è inferiore a quello delle carte di credito: 50 euro contro 100. Secondo Silvia Dimelli, business consultant di Crif, non si tratterebbe di una sostituzione, ma di un allargamento del bacino dei titolari. I 5,8 milioni di titolari di carte prepagate infatti si sarebbero aggiunti ai circa 35 milioni titolari di carte di credito.

Revolving in crisi
L’adesione alle prepagate sembra incidere in maniera non indifferente sulle carte revolving, che hanno raggiunto i 13,9 milioni di pezzi in circolazione. Ma mentre tra il 2004 e il 2005 i tassi d'incremento erano a due cifre, nel 2007 si è registrato un più modesto +7,7%, al quale segue un +7% nel primo semestre 2008, ma soprattutto una riduzione delle emissioni dell'11,6%.
Gli utenti sembrano piuttosto orientarsi verso le carte opzione, segnala il rapporto, "che lasciano la scelta di rimborsare in un'unica soluzione o rateizzare il credito dovuto". Un quarto degli utenti sceglie invece le carte co-branded, emesse da esercizi commerciali convenzionati, e che danno accesso a sconti e promozioni.

Soldi di plastica
Sembra del tutto superato il gap mentale che allontanava gli italiani dalle carte di credito, visto e considerato che sono ad oggi 75 milioni le carte in circolazione. Secondo i dati rilevati sarebbero 5,8 milioni le carte prepagate sul totale mentre le altre si suddividono in egual misura tra bancomat e carte di credito. Ma a crescere sono soprattutto le seconde (+10,3%), le prime segnano un incremento molto più contenuto (+1,6%). Cresce anche l'utilizzo delle carte di credito (+9,4%). Nel complesso, le operazioni effettuate utilizzando strumenti di pagamento diversi dal contante hanno registrato nel 2007 un aumento del 3,5 per cento.

  • shares
  • +1
  • Mail