Capire la bolletta

Leggere la bolletta La bolletta questa sconosciuta. Un intricato prospetto di costi e consumi che rappresenta per molti un impenetrabile arcano, la bolletta energetica parla un linguaggio diverso da quello dell’utente, che si limita a comprenderne l’importo totale da saldare.
La selva di oscuri codicilli che accompagnano il dettaglio dei nostri consumi corrispondono ad oneri di sistema, i così detti “costi fissi”.

Composizione della bolletta
In relazione alla tipologia di utenza (gas, elettricità) cambiano anche le voci di spesa e l’incidenza sul saldo finale. Secondo quanto riportato dall’Authority del settore a gravare sulla spesa energetica media della famiglia tipo (intorno ai 487,80 euro l’anno) sarebbero:
Energia elettrica:


  • costi di approvvigionamento (65,8%)

  • costi di trasporto, distribuzione e misura (13,2%)

  • imposte (13,7 %)

  • oneri generali di sistema (7,3%).

Gas


  • materia prima (41,8 %)

  • servizi di distribuzione, trasporto, stoccaggio, vendita, misura e commercializzazione (14,7%)

  • imposte (35,4%).

Il dettaglio
Per quanto concerne l’energia elettrica, se risultano immediatamente comprensibili le voci relative all’approvvigionamento, trasporto e imposte, occorre invece dettagliare in cosa consistano gli oneri generali di sistema:


  • incentivi alle fonti rinnovabili e assimilate (componente A3, pari a circa il 65,9%);

  • regimi tariffari speciali per aziende energivore (componente A4, pari a circa il 6,8%);

  • ‘stranded costs’ (componente A6, pari a circa il 0%);

  • oneri per il decomissioning nucleare e compensazioni territoriali (componente A2 e MCT, pari a circa il 21,3%);

  • compensazioni per le imprese elettriche minori (componente UC4, pari a 3,0%)

  • sostegno alla ricerca di sistema (A5 pari a circa il 2,3%),

  • componente As a copertura del bonus sociale (pari allo 0,7%);

Parlando invece della bolletta del gas la voce relativa alle imposte riguarda le accise pari 19,7% del totale delle imposte, a cui si assomma l’addizionale regionale pari al 2,7% del totale delle imposte, nonché l’ IVA pari al 14,2% delle imposte
Nel 4° trimestre 2008, la spesa media della famiglia tipo, secondo le rilevazioni dell’Authority si aggirano sui 1.121,39 euro l’anno.

  • shares
  • Mail