Fondo salva mutui: dal 27 aprile torna operativo

Il Fondo salva mutui ritorna operativo dal 27 aprile 2013. Ne dà notizia con una nota (la numero 56) il Ministero dell’economia e delle finanze (Mef). Il provvedimemto è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Per beneficiare del fondo di solidarietà per i mutui prima casa i mutuatari, tramite gli istituti di credito o gli intermediari finanziari, devono ottenere il nulla osta da parte della Consap, la Concessionaria servizi assicurativi pubblici nonché la società del Mef che gestisce il fondo il quale permette di sospendere fino a 18 mesi il pagamento dell'intera rata del mutuo per l'acquisto dell'abitazione principale.

Il Fondo salva mutui venne istituito tre anni fa e da allora ha consentito la sospensione di circa 6.000 mutui. Rifinanziato dal decreto Salva Italia, con 20 milioni di euro, il fondo va a coprire i costi relativi agli interessi maturati sul debito residuo durante il periodo della sospensione, pagando alla banca il tasso di interesse applicato al mutuo esclusa la componente di spread (nel linguaggio bancario la percentuale di guadagno applicata dagli istituti di credito sul costo del denaro).

Come si inoltra la richiesta? Sul sito del Tesoro e della Consap a breve sarà disponibile la nuova modulistica per scaricare e presentare la domanda, dal 27 in poi. 
Come opera concretamente il Fondo salva mutui? Come detto il fondo permette ai beneficiari una sospensione fino a 18 mesi dell'intera rata del mutuo per l'acquisto della prima casa, senza comportare l'applicazione di commissioni o spese di istruttoria. Non c’è bisogno di garanzie aggiuntive e la sospensione della rata viene concessa anche per quei mutui che hanno già usufruito di altre misure di sospensione, sempre che non vengano complessivamente superati i 18 mesi, lasso di tempo massimo per congelare l’ammortamento.

© Foto Getty Images

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: