Pay tv, si paga di più!

Pay TV Iva al raddoppio sugli abbonamenti alla pay TV. Passerà dal 10 al 20% la tassa sulle televisioni a pagamento.
L'Iva sugli abbonamenti alla pay tv satellitare è cresciuta dai 170 milioni di euro nel 2003, quando operavano Stream e Tele+ , ai 370 milioni nel 2008.

Una misura anti-crisi, fanno sapere da Montecitorio, che aumenterà il gettito generato dai canali a pagamento a 580 milioni, comportando un aggravio di costo per oltre 4,6 milioni di famiglie italiane.

Cosa comporterà in soldoni?
Sky, secondo fonti attendibili, è orientata ad aumentare gli abbonamenti intorno al 10 per cento. Non solo: Sky avrebbe deciso di non rinnovare l'accordo con il cinema italiano, grazie al quale acquistava i diritti di tutte le pellicole che superavano una certa cifra al box-office. E la pay satellitare di Rupert Murdoch chiederà subito a Bruxelles di anticipare, rispetto al 2011, la scadenza delle misure imposte dalla commissione Ue quali contropartite alla fusione tra Tele+ e Stream.

Un conflitto sospetto
L'opposizione attacca il conflitto d'interesse del presidente del Consiglio: «Il raddoppio dell'Iva per la pay tv - sottolinea Paolo Gentiloni, responsabile comunicazione Pd - ha tutta l'aria di un blitz contro il principale concorrente privato di Mediaset». L'opposizione intende chiedere all'Autorità per le comunicazioni se il provvedimento non rappresenti un sostegno privilegiato a Mediaset, vietato dalla legge Frattini. Ma il Governo con il sottosegretario all'Economia, Luigi Casero, replica che non c'è stata né persecuzione né calcolo politico.

  • shares
  • +1
  • Mail