Modello 730/2013: la prima scadenza il 30 aprile

Il 30 aprile 2013 è la data della prima scadenza per chi deve presentare il modello 730 per la dichiarazione dei propri redditi. Entro fine mese infatti i contribuenti possono consegnare il modello al proprio sostituto d'imposta, ovvero datore di lavoro o ente pensionistico, senza allegare nessuna documentazione. Il 730 va presentato già compilato e in una busta chiusa contenente anche il modello 730-1, riguardante la destinazione dell’8 per mille e del 5 per mille dell’Irpef.

Sarà il sostituto d'imposta che per legge dovrà poi consegnare entro il 31 maggio al contribuente copia della dichiarazione dei redditi elaborata e il prospetto di liquidazione modello 730-3, dove sono menzionate le trattenute o i rimborsi possibili. Come ricordavamo in questo post quando si consegna il 730 al sostituto d'imposta il contribuente non è tenuto a mostrare la documentazione fiscale relativa alla dichiarazione, documentazione che deve però essere conservata fino al 31 dicembre del 4° anno successivo alla presentazione del 730.

Il modello 730 va usato dai lavoratori che devono dichiarare redditi di lavoro dipendente, redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente, come i redditi percepiti dai co.co.co e dai lavoratori a progetto, redditi dei terreni e dei fabbricati, redditi di capitale, redditi da lavoro autonomo per i quali non è richiesta la partita Iva, i redditi di terreni e fabbricati situati all’estero, alcuni dei redditi assoggettabili a tassazione separata come quelli percepiti da eredi e legatari.

Non devono invece presentare il modello 730, ma il modello Unico, coloro i quali nel 2013 hanno percepito redditi d’impresa, anche in forma di partecipazione, redditi di lavoro autonomo per cui è richiesta la partita Iva, redditi “diversi” come i proventi derivanti da cessione totale o parziale di aziende e proventi relativi all’affitto e alla concessione in usufrutto di aziende.

© Foto TM News

  • shares
  • +1
  • Mail