Auto d’Epoca: la strada del risparmio su bollo e assicurazione!

Auto di epoca Bollo e assicurazione più leggeri. Questo il principale vantaggio che deriva dall’iscrizione della propria vettura al club Asi. Per poter essere classificata come auto d’epoca però la macchina dovrà avere più di vent’anni.
In tempi di crisi la tendenza è evidente: negli ultimi sei anni è cresciuto costantemente il numero degli automobilisti, proprietari di auto degli anni 80, che hanno ottenuto il riconoscimento di «auto storica», con i benefici che ne derivano.

Risparmio d’epoca
Quanto conviene l’iscrizione al registro Asi? Per l’auto storica o di interesse storico, si paga la tassa di circolazione di 30 euro annui, indipendentemente dalla cilindrata e dal tipo di emissioni. Quanto al premio assicurativo per la responsabilità civile, dipende naturalmente dalla convenzione con la singola compagnia e comunque non si superano i 160 euro annui, per un uso quotidiano normale. Esistono anche i contratti di copertura assicurativa vincolati al giorno nel quale si intende usare l’auto e alla persona del conducente, e in questo caso si risparmia ulteriormente”.

Una fonte di occupazione
Di non secondaria importanza il risvolto occupazione del mercato dell’auto d’epoca. Sono infatti numerose le figure professionali legate a questo business: dalle imprese artigiane di carrozzeria, meccanica, tappezzeria, elettrauto, che spesso sopravvivono soprattutto grazie ai possessori di vetture antiche. In più, quel patrimonio di conoscenze datato viene salvaguardato e tramandato a giovani meccanici, carrozzieri, tappezzieri eccetera grazie alle auto storiche.

Auto d’epoca a tutto gas
Secondo i dati riportati dall’Asi, l’Automotoclub storico italiano dal 2002 a oggi si starebbe assistendo ad un incremento delle iscrizioni di auto di età compresa fra 20 e 30 anni, pari al 10-15 per cento annuo. Parliamo di auto immatricolate fra il 1979 e il 1988, insomma. Come dire che, parlando di quattroruote, sono sempre più numerosi i proprietari che applicano il proverbio «gallina vecchia fa buon brodo».

  • shares
  • Mail