Piazza Affari maglia rosa in Europa. Spread in discesa

Piazza Affari chiude la seduta in rialzo: l’indice Ftse Mib guadagna l'1,54% a 17.121 punti, il Ftse All Share l'1,41% a 18.171 punti, il Ftse Italia Star cresce invece dello 0,63% a 12.564 punti. In tutto sono stati scambiati volumi per 2,27 miliardi di euro. Giornata positiva per il paniere bancario (con Banco popolare sugli scudi: +8,8%) ma a fare da effetto traino sui listini milanesi è anche la performance della borsa di Francoforte con il Dax - l’indice delle blue chip tedesco - che ha toccato i massimi dal 2007, a 8.160.14 punti.

Buone notizie anche sul mercato del debito: lo spread Btp-Bund tedeschi a 10 anni chiude in calo sotto la soglia dei 250 punti base, a 249, non si vedeva niente di simile dallo scorso 11 gennaio. Il titolo del Tesoro conclude in rialzo una seduta in cui la propensione al rischio da parte degli investitori ha premiato soprattutto il secondario italiano. Spiega un trader a Reuters:


Oggi si è visto nel corso della seduta un atteggiamento "risk on" che ha favorito l'Italia anche sugli altri mercati perifericiIn particolare il Portogallo ha visto un rialzo dei rendimenti per via del collocamento del nuovo decennale.

Tornando all’azionario sui maggiori mercati europei sulla piazza finanziaria tedesca l’indice Dax chiude, dopo il nuovo record storico intraday, in rialzo dello 0,86%, in scia alla pubblicazione, stamattina, dei numeri sugli ordini all'industria tedeschi di marzo cresciuti del 2,2%, quando si prevedeva invece una contrazione dello 0,5%. La Borsa di Londra, chiusa ieri per festività, archivia la seduta in crescita dello 0,55%, Parigi guadagna lo 0,37%, Madrid lo 0,47%.

Borse europee in moderato rialzo dopo le parole di Draghi

I listini europei aprono in moderato rialzo dopo la seduta cauta e priva di stimoli di ieri. Alla borsa di Milano l’indice dei maggiori titoli Ftse Mib guadagna in avvio di negoziazioni lo 0,37%, l’indice Ftse AllShare lo 0,35%. Tra le migliori performance si registrano quelle di Ansaldo Sts (+1,86%) e Telecom (+1,57%) mentre il comparto bancario muove nel complesso positivamente. L’azionariato europeo appare oggi più vivace dopo le parole pronunciate ieri del governatore della Bce Mario Draghi che si è dichiarato favorevole a un ulteriore taglio dei tassi di interesse, se fosse necessario.

Sul mercato secondario i Btp aprono in miglioramento rispetto alla chiusura di ieri (267 punti base) con lo spread tra decennali italiani ed equivalenti bund tedeschi che gira sui 264 punti base. Il rendimento sul Btp si attesta al 3,839%.

(in aggiornamento)

© Foto Getty Images

  • shares
  • Mail