Cyberpaghetta: come si guadagna imparando?

Smarty Card La paghetta cambia formato! Adesso, potrebbe essere direttamente il pc a somministrare le ricompense settimanali, valutando autonomamente i risultati scolastici dei ragazzi.
Lanciato negli Stati Uniti il nuovo sistema che premia i bambini più studiosi con giochi e dvd si chiama SmartyCard e si basa su un sistema di punti che vengono assegnati a chi completa correttamente una serie di esercizi di lettura, scrittura, matematica e scienze.

Un vero e proprio gioco a premi basato sull’abilità dei ragazzi. Un certo numero di punti dà diritto a ricevere determinate ricompense, come videogame, film o giocattoli. Siccome SmartyCard non è il paese dei balocchi, il sistema ha ovviamente un prezzo: i punti vengono acquistati sotto forma di credito prepagato dai genitori dei ragazzi. Con 10 dollari si compra un pacchetto di cinquemila punti.

Il sistema "learn, earn and play" (impara, guadagna e gioca) è diventato in pochissimo tempo il centro focale dell'edutainment, l'unione di insegnamento e divertimento, su internet: i bambini sono contenti perché giocano con il computer, i genitori anche perché sanno che i figli si trovano in un ambiente controllato e privo di pericoli. I bambini sono contenti perché vincono videogame e film, i genitori anche perché sanno che i figli stanno imparando qualcosa e possono verificare immediatamente, direttamente sul sito, i loro progressi. "I mondi virtuali e i videogame stanno conquistando i cuori e le menti dei bambini, e questo mette a disagio molti genitori", spiegano dalla compagnia. "SmartyCard sfrutta queste passioni e vi lega il valore universale dell'apprendimento attraverso la ricompensa".

Il modello di business
Il sistema messo in piedi con SmartyCard fa soldi incassando la differenza tra il costo dei punti e quello dei premi. Ad esempio, per ottenere un buono del valore di 10 dollari da spendere su iTunes, i genitori devono acquistare l'equivalente di 20 dollari in punti. Ma la domanda che circola in rete è: quanto possono essere rigorosi i test somministrati da un sito il cui fine è assegnare punti il più velocemente possibile, cosicché i genitori corrano ad acquistarne altri? "I nostri contenuti sono creati in collaborazione con i più importanti editori di materiale educativo", garantiscono dalla compagnia.

Per chi voglia provare, i test di SmartyCard (per il momento solo in inglese) sono accessibili anche gratuitamente. Ma i punti conquistati senza pagare, ovviamente, non danno diritto ad alcun premio.

  • shares
  • +1
  • Mail