Salute 2.0, la cura è online

Salute 2.0 Così la pensano molti infonauti che hanno dato vita negli Stati Uniti ad un vero e proprio movimento legato all’utilizzo delle piattaforme Web per l'interscambio di informazioni e conoscenze mediche.

Lo strumento ben si presta alla diffusione della comprensione e della consapevolezza dei problemi della salute da parte dei cittadini, che sta progressivamente prendendo piede anche nel nostro Paese da un po’ di tempo a questa parte.

Definita Salute 2.0 la corrente degli infonauti medicalmente istruiti cresce un po’ in tutto il mondo generando risultati virtuosi ma anche alcuni casi di “mala informazione”.

Social Network con occhio critico
Piazza virtuale particolarmente battuta dai cultori della materia i social network rappresentano un’ottima piattaforma per lo scambio di informazioni a patto che l’affidabilità del network sia garantita le opinioni di medici integrano le informazioni fornite, ad evitare la diffusione di messaggi errati. Una ricerca effettuata su richiesta della Medical Broadcasting Company ha rivelato che Internet è ritenuto il canale informativo più credibile per quanto concerne le informazioni specifiche sulla salute. Pertanto è importante la presenza sui social network di un controllo serio ed è altresì importante che non si perda il rapporto medico-paziente : Salute 2.0 è uno strumento in più per il paziente, attraverso il quale conoscere in termini più semplici la propria malattia e condividerne il peso con persone nella stessa condizione.

I siti di informazione
Sono numerosi anche i siti di informazione medico-scientifica che offrono informazioni dettagliate su patologie e terapie. Anche in questo caso è importante che si garantisca la loro affidabilità : a questo scopo la fondazione Health On the Net ha ideato l’HONcode, delle linee guida che devono essere rispettate dai siti inerenti la medicina e la salute che vogliono dar prova di credibilità . I siti che aderiscono ai principi della Hon devo fornire informazioni mediche scritte da esperti qualificati del settore, a meno che non venga esplicitamente dichiarato il contrario ; devono incoraggiare le relazioni tra paziente e medico ; devono rispettare la riservatezza delle informazioni personali riguardanti gli utenti ; devono fornire le referenze esplicite delle informazioni diffuse e la data dell’ultimo aggiornamento ; devono dare agli utenti gli strumenti per chiedere ulteriori dettagli o chiarificazioni ; devono esplicitamente identificare le organizzazioni commerciali e non-commerciali che contribuiscono al finanziamento, ai servizi o al materiale del sito e qualora la pubblicità fosse una fonte di sovvenzione del sito devono renderlo noto.
Solo i siti già certificati dalla HON possono esporre il bollino HONcode o dichiarare che il loro sito aderisce ai Principi HONcode.

Farmaci e parafarmaci online: quale rischio?
Sebbene in Italia il Codice Deontologico del Farmacista approvato nel 2000 non consenta al farmacista la cessione, tramite Internet o altre reti informatiche, di medicinali, anche senza obbligo di prescrizione (conformemente alle direttive dell’Unione Europea) è però possibile acquistare legalmente dall’Italia farmaci generici su farmacie estere on line.
Il problema risiede nel fatto che spesso i farmaci in vendita sono contraffazioni che non contengono il vero principio attivo o che hanno dosaggio e preparazione diversi da quelli approvati negli Stati Uniti o in Europa.

Non comporta invece alcun livello di rischio l’acquisto on line di parafarmaci e prodotti per il benessere, per i quali il web offre un valido strumento di aiuto per risparmiare senza rinunciare alla qualità: si tratta dei siti di comparazione dei prezzi attraverso i quali acquistare plantari ortopedici, cosmetici, strumenti diagnostici, apparecchiature elettromedicali e molti altri prodotti legati al benessere e alla salute. Anche se questi prodotti non necessitano di prescrizione medica, è sempre meglio parlare con il proprio specialista di fiducia prima di effettuare un acquisto.

L’importanza del monitoraggio
Di fondamentale importanza per la comunità scientifica il monitoraggio della diffusione di malattie è facilmente realizzabile sfruttando la collaborazione degli utenti. Uno degli esempi più eclatanti e il sito Influweb.it, un sistema di sorveglianza che attraverso la compilazione di un breve questionario on line da parte di utenti volontari raccoglie in tempo reale i casi di malattie influenzali in Italia e fornisce le relative statistiche visualizzabili in forma di mappe e grafici sul sito stesso.

  • shares
  • +1
  • Mail