Casa addio: il mercato del mattone crolla ai livelli del 1985

Nel 2012 si sono perse per strada più di 150mila compravendite di case rispetto all’anno precedente. Lo scrive in un report l'Agenzia delle Entrate che, in collaborazione con l’ABI (Associazione bancaria italiana), certifica un volta di più il crollo del mercato del mattone nel nostro Paese. E le cifre sono da vero record, negativo: è il peggior risultato dal 1985 quando le abitazioni acquistate e vendute erano state circa 430mila. Nel 2012 la riduzione delle compravendite immobiliari è stata pari al 27,5% rispetto al 2011 (448.364 transazioni). Il dato fa il paio con il tonfo del mercato dei mutui-casa nei primi tre trimestri del 2012.

A risentire di più della flessione delle compravendite sono state le città non capoluogo (-26,1), rispetto ai capoluoghi (-24,6%). L'area del Nord-est, che racchiude il 18,3% del mercato nazionale, è quella che ha fatto registrare il calo più consistente (-28,3%) rispetto al 2011. L’anno scorso nelle otto principali città italiane prese in esame - Roma, Milano, Napoli, Torino, Palermo, Genova, Bologna, Firenze - la compravendite sono scese del 22,4%, in soldoni 5,7 miliardi in meno rispetto al 2011. E veniamo a quello che si mosso: nel 2012 in tutto sono state vendute case per circa 46,4 milioni di metri quadri (-25,4% sull’anno precedente) di una superficie media uguale a 104 metri quadrati.

Pesante anche la diminuzione del valore di scambio complessivo calcolato in quasi 75,4 miliardi di euro nel 2012, cioè a dire 27 mld in meno sul 2011. Tuttavia secondo il dossier di AE e ABI l’indice di accessibilità, che misura la possibilità di accesso alle famiglie italiane all'acquisto di una casa, mostra una buona tenuta, dopo 18 mesi vissuti interamente in discesa: nella seconda parte del 2012 l’indice è infatti migliorato. La quota di famiglie che ha un reddito sufficiente a coprire perlomeno il 30% del costo annuo del mutuo per l'acquisto di una casa supera di poco il 50%, valore analogo al primo semestre del 2010 e pari a circa 13 milioni di nuclei familiari.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail