Enel Lab, comunicazioni e reti elettriche: la soluzione conveniente per costi e efficienza


Tra i vincitori della prima edizione di Enel Lab, l'iniziativa promossa dal Gruppo Enel per sostenere l'innovazione nelle clean technologies, c'è anche chi si è occupato del settore della digitalizzazione e dei sistemi di comunicazione, proponendo una soluzione spendibile anche nell’ambito della distribuzione di energia elettrica e delle smart grid. In questa occasione, infatti, è stato presentato un nuovo sistema costituito da gateway mobili opportunamente posizionati sul territorio che fungono da 'ponti' per veicolare i dati verso una rete fissa a banda larga tramite protocollo IP; un sistema che permette di risolvere uno dei problemi più importanti di funzionamento delle reti mobili, quello di congestione del traffico dati. Come? Offrendo una rete indipendente Lte ad altissima velocità. Non solo. I tempi di comunicazione più rapidi, anche rispetto alla fibra ottica, rendono questo sistema adatto anche alla gestione delle reti elettriche, garantendo una comunicazione più efficiente tra le cabine secondarie ed evitando in questo modo l’insorgere di corti circuiti o altre anomalie della rete.

Questo prodotto innovativo si chiama Primo ed è stato presentato in occasione della prima edizione di Enel Lab dall’azienda fondata nel 2006 Athonet, di Trieste e Vicenza. Primo, quindi, è una rete mobile privata che utilizza gli standard di trasmissione di quarta generazione LTE 4G ad altissima velocità. Il prodotto offre una serie di potenziali applicazioni e assicura la connessione in zone non coperte dalle reti mobili tradizionali; infatti il sistema, che peraltro consente di creare una rete a costi nettamente più bassi di quelli di operatori telco, è stato testato durante i lavori di ricostruzione dopo il terremoto dello scorso anno a Mirandola, in Emilia Romagna.
Il modello presentato dalla startup che si è aggiudicata fino a 650 mila euro, oltre che la collaborazione con il gruppo Enel in tutte le sue strutture ingegneristiche, legali e di mercato, può essere così applicato anche al settore delle smart grids. Athonet si propone sia come costruttore che come gestore delle reti.
Ecco le parole usate da Karim El Malki, amministratore delegato Athonet, per presentare il progetto, a caldo dopo la meritata vittoria:

Un prodotto per reti di telecomunicazioni mobile per le smart grid rende possibile la comunicazione tra tutti i diversi dispositivi che compongono una smart grid con bassissima latenza e bassi costi. Primo, il nostro prodotto, che sta per private mobile, è già sviluppato. Noi siamo qui perché vogliamo adattarlo ai bisogni di Enel nelle smart grid.

Iniziativa realizzata in
collaborazione con Enel