In America il wireless sarà "aggratis": forse! E in Italia, continueremo a pagare?

wireless

Mentre in Italia i pachidermi telefonici provano a diffonderlo, con scarsi risultati in termini di convenienza, in America c'é già chi vuole distribuirlo gratis (con sostegno pubblicitario).

M2Z Networks spalleggiata da Kleiner Perkins (firma di successo del venture capital made in USA) ha fatto al Governo americano una proposta "che non si può rifiutare".

Ovvero farsi assegnare una parte della banda di trasmissione radiofonica (circa 20Mhz) per organizzare una rete wireless ad alta velocità e portare, così, il segnale Internet sul 95% del territorio americano.

La grossa novità é che il tutto potrebbe essere distribuito "aggratis" grazie alla pubblicità.

Comunque, a quanto si mormora, lo scenario é alquanto futuribile perché le porzioni di banda radiofonica sono assegnate con aste pubbliche e si parla di parecchi (come direbbe il nostro Presidente del Consiglio, Romano Prodi) miliardi di dollari.

Intanto la M2Z sta portando il progetto in diverse città americane (ma anche italiane ed europee) e le sorprese di sicuro non mancheranno.

Già si parla di reti cittadine senza fili con accesso gratuito.

  • shares
  • +1
  • Mail