Lavoro: 150mila posti che nessuno cerca

In Italia ci sono circa 150mila posti per lavori che nessuno cerca o vuole fare mentre il Paese pullula di giovani laureati che spesso non rispecchiano le esigenze del mercato del lavoro e il livello produttivo reale. 

A parlare sono i dati di uno studio dell’Istat che fotografa la situazione 2012, quindi in piena crisi economica. Si tratta più che altro di lavori faticosi, manuali, con turni anche di notte. Oppure impieghi che richiedono una lunga formazione prima di diventare esperti spendibili sul mercato del lavoro, occupazioni che poi però garantiscono guadagni di tutto rispetto e la possibilità di lavorare in proprio, autonomamente.

L’ultima indagine della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, da cui l’analisi dell’Istat, ha catalogato tutta una serie di impieghi per i quali l’offerta è altissima ma praticamente non c’è domanda. Tra le professioni e i mestieri "dimenticati" il panettiere, il sarto, il falegname, il pasticcere, ma anche il barista, il cameriere, il macellaio, l'installatore il infissi. Ci sono poi quelle figure professionali reperibili solo dopo percorsi formativi a numero chiuso e/o magari poco attraenti. Anche qui la richiesta è molto elevata: si pensi agli infermieri, con il 43% dell’offerta di lavoro che non è ricoperta dalla corrispettiva domanda, o agli informatici (24%) o ancora agli operai specializzati (33%).

La ricerca dell’Istat ha preso in considerazione i 3 milioni di lavoratori inattivi presenti in Italia nel 2012 e cresciuti del 2,7% rispetto al 2011. Si dicono disposti a lavorare, ma di fatto non cercano nessuna occupazione o comunque non accettano la prima cosa che gli capita. Gli inattivi si dividono così in due fasce: gli scoraggiati - pari a 1,3 milioni di persone, il 43% del totale - che appunto non cercano proprio un lavoro perché convinti di non trovarlo (e la profezia non può che auto avverarsi) e gli inattivi choosy che non sono disposti ad accettare qualsiasi tipo di impiego, ma un lavoro lo cercano.

© Foto Getty Images

  • shares
  • +1
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: