Dichiarazioni: l’Italia dei poveri!

Dichiarazioni dei redditi Con uno stipendio medio di 1.453 euro lordi al mese gli italiani non se la passano proprio bene stando alle ultime rilevazioni del Fisco.
Un italiano su due dichiara meno di 15mila euro «lordi» di reddito, uno su quattro tra i lavoratori autonomi, mentre l’80% dei contribuenti è decisamente sotto quota 26mila euro, dal momento che il reddito medio si attesta a 18.892 euro l’anno. Il reddito medio degli italiani risulta comunque in crescita del 3,1% rispetto all’anno precedente. In base ai dati del ministero dell’Economia sulle dichiarazioni presentate da circa 41 milioni di italiani nel 2008, i redditi da lavoro autonomo sarebbero quelli che rendono di più (+2% a 37.124 euro) rispetto a quelli percepiti dai dipendenti (+1% a 19.335 euro). Un incremento maggiore, ma l’importo assoluto è più basso, hanno poi registrato i pensionati, passati da 13.046 a 13.448 euro, con una crescita del 3%, surclassati però da coloro che possiedono partecipazioni societarie, saliti da 19.254 a 19.927 euro (+3,5%).

Geografia dei redditi
Prima in classifica per la media dei redditi la Lombardia, con una media di 22.460 euro, quasi il doppio dei 13.410 della Calabria, ultima in classifica. Al secondo posto si attesta il Lazio, con i suoi 21.130 euro in media. Seguono, Emilia Romagna (20.450 euro) e Piemonte (20.030 euro). Penultima in classifica la Basilicata (14.180 euro di reddito medio dichiarato) preceduta dalla Puglia (14.770 euro), mentre la Sicilia è quart’ultima a 15.160 euro. Nel 2008 l’imposta media pagata in base alle dichiarazioni dei redditi per le persone fisiche è salita a 4.675 euro, con un aumento del 4,4% rispetto ai 4.477 euro dell’anno precedente. I contribuenti fino a 15mila euro hanno pagato poco più del 6% dell’imposta totale, quelli che dichiarano fino a 26mila euro il 31,6%. I «Paperoni» sopra i 200mila euro, pur essendo solo lo 0,2% della popolazione, hanno invece versato oltre l’8% del totale.
Dalle dichiarazioni, infine, emerge il successo degli sconti fiscali del 55% per il risparmio energetico: sono stati utilizzati da oltre 185mila contribuenti.

Fonte: Il Giornale

  • shares
  • +1
  • Mail