Tassa Madoff: chi truffa paga!

Tassa Madoff La proposta arriva sull'onda dell'indignazione popolare. Tolleranza zero verso i ricchi newyorkesi che saranno riconosciuti colpevoli di un reato e carcerati, questo il verdetto della città di New York per gli scandali finanziari. I paperon de paperoni della finanza dovranno pagarsi il soggiorno in prigione senza gravare sulle casse pubbliche, questa la proposta delle autorità di New York che rischia di essere convertita in legge. Il nome 'Madoff' per la proposta di tassare i ricchi carcerati dello stato di New York prende le mosse dalla condanna a 150 anni di carcere di Bernard Madoff, finanziere che ha messo in atto una truffa da 50-65 miliardi di dollari e che ora sconta i 150 anni di carcere che gli sono stati inflitti nella prigione di Butner, in North Carolina.

Il mago della finanza nonchè ex presidente del Nasdaq arriverebbe a costare (in base a una stima di 90 dollari al giorno per 356 giorni l’anno) 32.040 dollari! La sua condanna a 150 anni di carcere, anche se difficile che riuscirà a scontarla interamente vista la sua età (71 anni) si tradurrebbe quindi in un esborso di denaro pubblico pari a 4,8 milioni di dollari.

Prima del suo arresto lo scorso dicembre Madoff risiedeva in un lussuoso appartamento nell'Upper East Side a Manhattan, dal valore di 7 milioni di dollari. Oltre a godere di un tenore di vita agiato, con case in Florida, yacht e circondato da oggetti di elevato valore. "Troppo spesso i contribuenti si trovano a dover pagare il conto di criminali ricchi che, una volta scarcerati, hanno immense fortune ad aspettarli", commenta il repubblicano Jim Tedisco. Come molti altri stati, New York è a caccia di strade che consentano di ridurre i costi dei carcerati.

Carcere a fascia di reddito dunque per poter ridurre le spese pubbliche! Secondo alcune stime, nel 2007 un detenuto veniva a costare fra gli 80 e i 90 dollari al giorno. In base al progetto presentato coloro che vantano un reddito superiore ai 200.000 dollari dovranno pagarsi interamente il soggiorno in prigione, chi invece guadagna meno di 40.000 avrà il soggiorno gratis.

Intanto il ricco e famigertato finanziere a assunto un consulente di prigione, tale Herb Hoelter - amministratore delegato della National Center of Institutions and Alternatives - pagato per raccontare ai suoi clienti cosa succederà quando enormi porte di ferro si chiuderanno dietro le loro spalle.

Racconta Newsweek che per «un corso preparatorio telefonico», i consulenti americani si fanno pagare circa 3.500 dollari. Ma c’è chi vuole una lezione privata a tu per tu e allora la parcella sale fino a 10mila dollari.

Per ora, quello che Hoelter può fare per il prigioniero 1727-054 è ottenere un carcere non eccessivamente duro. «Minimo», «basso», «medio», «alto»: questa è la classifica del Federal Bureau of Prisons per quanto riguarda i penitenziari degli Stati Uniti. Più si sale, maggiore è la sicurezza. Quindi maggiore è la possibilità che il condannato finisca in cella con pluri-omicidi, stupratori, serial killer. Con una condanna a 150 anni, Bernie Madoff ha ottime possibilità di ritrovarsi ai vertici della classifica. Così, il suo consulente e il suo avvocato, Ira Sorkin, per rendergli la vita più facile stanno provando a richiedere ai giudici un penitenziario «medio». Ma, spiega un altro consulente, Ed Bales, la fama del detenuto Madoff e la celebrità del suo caso non aiuteranno il nuovo prigioniero ad ambientarsi senza choc. Per questo non è escluso che il re della frode sia messo per qualche mese in cella d’isolamento.

  • shares
  • +1
  • Mail