Radiografie: costano di più alle ASL che in una clinica privata!

sanità_costi

Cittadini che contano” é un progetto di Cittadinanza Attiva (scarica il programma) realizzato attraverso il cofinanziamento del Ministero delle Attività Produttive grazie ad un fondo costituito dalle multe (circa 350 milioni di euro) comminate nel 2000 dall’Autorità Garante della Concorrenza e del mercato alle compagnie di assicurazione che avevano costituito un cartello anticoncorrenziale ai danni degli utenti.

Nell'ambito di tale progetto, la scorsa settimana, sul Sole24Ore é apparsa una ricerca realizzata dall’Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva in collaborazione con la Facoltà di medicina e chirurgia e la Facoltà di Scienze politiche della Sapienza. (leggi l'articolo)

Il risultato di questa ricerca?

Fare una radiografia al torace costa di meno in una clinica privata che alla ASL: 44 euro contro i 300 della struttura pubblica.

Fantascienza? No, se al costo del ticket si aggiungono i costi indiretti derivanti dalla stima economica del tempo perso per effettuare la radiografia.

A livello di ripartizione geografica, è il Sud a registrare i tempi più lunghi (e quindi a detenere i costi globali più elevati) che variano dalle 6h e 48’ a circa 5h a seconda della modalità della prenotazione (con o senza telefono).

(degli sprechi nel pubblico ne avevamo già parlato in un vecchio post).

  • shares
  • +1
  • Mail