Guido con prudenza e mi conviene!

Guido con prudenza 621 vittime per alcol e droghe solo nel 2007. Questo il triste bilancio dei decessi su strada under 34, che sale a 1.752 casi se si considerano anche le altre cause.

Sarà perchè in Italia c'è il tasso di motorizzazione più alto d'Europa (alla fine del 2008 circolavano 60 auto per ogni 100 abitanti contro le 50 di Spagna, Germania e Francia) o sarà per la mancanza di controlli ma il nostro Paese non brilla certo per sicurezza.

Ogni anno, ci ricorda l'Istat, perdono la vita in incidenti stradali ben 5.131 persone con dei picchi nei mesi estivi, dove finiti gli esami e il lavoro, è più facile, soprattutto, per i ragazzi, fare le ore piccole e buttarsi a capofitto nel divertimento.

Per contrastare il triste fenomeno l'Ania, in collaborazione con la Polizia Stradale e il Silb (l'associazione italiana imprese di intrattenimento da ballo e di spettacolo) rilancia la sesta edizione di "Guido con prudenza", che, anche quest'anno, toccherà le località marittime più gettonate dai giovani: la riviera romagnola, il Lago di Garda e i litorali romano e leccese.

Quali iniziative?
Per un mese, dal 24 luglio al 23 agosto, alcol test gratuiti all'uscita delle discoteche, promozione ad hoc della guida sicurezza e del rispetto delle regole direttamente in spiaggia e controlli rinforzati da parte della Polizia Stradale. Con un obiettivo molto preciso: migliorare sempre più nell'attività di contrasto delle stragi del sabato sera.

Per i virtuosi alla guida anche biglietti gratis per andare a ballare in 27 discoteche localizzate nella riviera romagnola, sul litorale romano e quello salentino e nella riva lombarda del lago di Garda. Per ricevere gli omaggi i ragazzi dovranno indicare un Bob che non beve per tutta la serata.

Un'iniziativa di un certo peso e successo quella promossa dall'Ania che vanta risultati lusinghieri nelle passate stagioni. Nella provincia di Brescia, per esempio, nei mesi di luglio e agosto 2008 gli incidenti mortali sono diminuiti del 34% rispetto al 2006 (32 incidenti mortali nel 2006, 21 nel 2008). Buone notizie, anche, nel riminese. Rispetto al 2003, anno precedente all'introduzione dell'iniziativa, nei mesi di luglio e agosto si è registrata una diminuzione della mortalità del 14,2%, del 7,7% dei feriti (1012 feriti del 2003 a fronte dei 934 del 2008) e del 9,2% degli incidenti complessivi (764 registrati nel 2003 a fronte dei 693 del 2008).

Le principali cause di incidenti
Nel mirino, soprattutto, alcol e droga. Le cause principali delle morti su strada. Secondo l'Istituto superiore di Sanità gli incidenti provocati da conducenti in stato psicofisico alterato corrispondono al 30% del totale dei sinistri che avvengono ogni anno in Italia. Inoltre, gli incidenti stradali sono la prima causa di morte tra i giovani e, comunque, per coloro che hanno meno di 40 anni. Specie, nei week end estivi e nelle fasce orarie tra le 22 e le 6 del mattino. Una possibile soluzione è la pratica "Guidatore designato", molto in voga nei Paesi del Nord Europa: dovrà rinunciare alle pasticche e a bere, ma avrà il compito di riportare a casa sani e salvi tutti gli amici. E, con in più un altro piccolo premio. Che avranno, anche, tutti i ragazzi risultati sobri dopo i controlli della polizia. Un ingresso gratuito in discoteca per il week end successivo, fornito direttamente dalle discoteche partner dell'iniziativa.

Controlla le località designate
Materiale informativo

  • shares
  • +1
  • Mail