Alitalia, decolla il rimborso sull'overbooking

Rimborsi Alitalia A partire per qualcuno quest’anno sono proprio le vacanze. Come puntualmente riportato dalle colonne dei principali quotidiani nazionali l’estate di Alitalia sembrerebbe particolarmente calda. Decine i passeggeri rimasti a terra per overbooking (eccedenza di prenotazioni) sia a Malpensa che a Fiumicino. È la situazione che si è verificata per alcuni passeggeri (una centinaio secondo fonti della compagnia aerea), che dovevano partire con voli Alitalia diretti a Istanbul, Caracas, Boston, Atene. Dei cento passeggeri che hanno subito disagi - riferiscono fondi aziendali - oltre 80 sono già ripartiti per le destinazioni previste, su altri voli.

L'indennizzo mette le ali
Non tutto è perduto per gli sventurati turisti appiedati. Per ovviare ai disagi da overbooking, infatti, Alitalia prevede indennizzi di 250 euro per i voli internazionali e di 750 per quelli intercontinentali.

Critica Federconsumatori che chiede al Governo l’abolizione della pratica dell’overbooking per le maggiori compagnie aeree e ricorda ai turisti malcapitati che, per il mancato imbarco per overbooking, è prevista per legge una compensazione monetaria di:


  • 250 € per tratte fino a 1500 km;

  • 400 € per altre tratte intracomunitarie e quelle tra 1500 e 3500 km;

  • 600 € tratte superiori a 3500 km.

Il consumatore ha inoltre diritto ad un volo alternativo il prima possibile, oppure al rimborso del biglietto non utilizzato. Pasti e sistemazione alberghiera devono essere previsti in relazione all’attesa per il nuovo volo.

  • shares
  • Mail