La geografia del carburante low cost

Pompe bianche Comunemente note come pompe bianche i distributori di benzina economica si stanno espandendo a macchia d’olio in tutta Italia.

Questi distributori senza marchio, al di fuori della rete ufficiale e presenti su tutto il territorio nazionale (eccetto autostrade), alimentano un fenomeno in costante crescita dovuto al continuo ed ingiustificato aumento dei prezzi del carburante.

Stando ai dati riportati dal sottosegretario allo Sviluppo economico Stefano Saglia, sta calando il numero dei punti vendita di proprietà delle compagnie, mentre crescono i retisti convenzionati e le "pompe bianche", dove rifornirsi a prezzi minori. Una tendenza che appare accentuarsi nel 2009.

La mappa del low cost
Federconsumatori ha stilato una lista di questi benzinai "low-cost": quelli censiti dall'associazione sono circa trecento, anche se non esiste un monitoraggio ufficiale. Le regioni dove, stando alla lista, esiste un maggior numero di "pompe bianche" sono le Marche (36), la Lombardia (35), il Veneto (34), il Lazio (29) e l'Emilia Romagna (20).

Il risparmio fa strada
Se le pompe bianche raggiungessero una diffusione del 10% dell'intero sistema di distribuzione con almeno 2.000 punti di rifornimento, il risparmio per gli automobilisti sarebbe assicurato. A fare i conti è la stessa Federconsumatori, secondo cui si potrebbe raggiungere un margine di risparmio di 8-10 centesimi al litro e di 0,3 punti per le ricadute sul tasso di inflazione, pari a 108 euro annui di costi diretti e 90 euro annui di costi indiretti. Anche sui margini di risparmio, però, il dato non è univoco.

Secondo Adiconsum il risparmio atteso deriverebbe principalmente dal fatto che con i distributori senza marchio si eviterebbero i costi corrisposti in royalty che incidono per circa 10 centesimi su ogni litro di benzina fatto in autostrada.

Fenomeno parallelo alla diffusione delle pompe bianche anche la nascita degli impianti di rifornimento collegati alla grande distribuzione organizzata che offrono sconti sul prezzo della benzina e del gasolio. Auchan, per esempio, dispone già di 28 stazioni collegate agli ipermercati della catena, con l'obiettivo di arrivare, entro due anni, alla copertura totale degli impianti di rifornimento su tutti i 52 punti vendita della rete italiana.

Oltre alle liste delle pompe bianche stilate dalle associazione dei consumatori, esistono anche siti, come Prezzibenzina.it che offrono un servizio online, indicando, per ogni località, i distributori più convenienti. I dati vengono inseriti volontariamente, soprattutto dagli automobilisti, ma anche dai gestori delle stazioni di servizio.

  • shares
  • +1
  • Mail