Locazioni Web, spopolano gli affitti online

Locazioni Web Inaugurato a gennaio il nuovo servizio di registrazione dei contratti di locazione online dell’Agenzia delle Entrate sembra piacere ai contribuenti.
A parlare di successo sono proprio i numeri legati al nuovo servizio: sarebbero oltre 160 le operazioni al minuto che risparmiano ai contribuenti 269mila giorni liberi da file e da code.
Che si tratti di operazioni di rinnovo o di sottoscrizione, sono circa 160 gli affitti registrati al minuto. Locazioni Web, complessivamente dal 2001 ad oggi ha oltrepassato il numero di 6 milioni, 6.468.053 per l'esattezza.

Come funziona?
Il servizio, accessibile direttamente online senza l’installazione di alcun software sul proprio pc, permette di registrare i contratti compilando online i campi relativi al conduttore, al locatore, all'immobile e al canone di locazione. Per calcolare le imposte dovute, è invece sufficiente cliccare su un pulsante, inserire le coordinate del conto corrente bancario o postale sul quale l'Agenzia addebiterà l'importo, il codice Pin e… tutto fatto! Dribblando file presso gli uffici o agli sportelli per il pagamento e con il risultato d'aver messo il turbo, da inizio anno, alla corsa degli affitti online.

Alla base del successo del servizio anche la progressiva estensione ad ambiti correlati come l’inclusione degli affitti di immobili non adibiti a uso abitativo (studi, negozi, uffici), l'allargamento delle innovative procedure di registrazione online anche alle operazioni di proroga, di risoluzione e di cessione dei contratti già in vigore, stabilito con il provvedimento del direttore dell'agenzia delle Entrate del 27 giugno 2003.

I vantaggi
Prima che venisse introdotta la comoda pratica telematica per poter registrare un contratto di locazione era necessario effettuare 4 distinti passaggi: era infatti necessario recarsi presso l'ufficio locale per assumere informazioni e reperire la modulistica, recarsi in banca per effettuare il versamento, ritornare all'ufficio locale per la registrazione del contratto e, soltanto dopo alcuni giorni, ritirare la copia del negozio debitamente registrato.

Oggi invece le registrazioni e i versamenti possono essere realizzati direttamente dal contribuente o tramite intermediario abilitato (per esempio il commercialista, i Caf, le agenzie immobiliari, le associazioni rappresentative dei proprietari e quelle degli inquilini). La convenienza a eseguire la registrazione dei contratti di locazione per via telematica dipende dal fatto che l'adempimento avviene con un'unica rapida operazione.

Le modalità di pagamento - In particolare, le modalità di pagamento sono tre: addebito da parte del contribuente sul proprio conto corrente, addebito da parte dell'intermediario sul conto corrente del contribuente e addebito da parte dell'intermediario sul proprio conto corrente.

Accedi al servizio

  • shares
  • Mail