Scudo fiscale anche per immobili e yacht

Scudo fiscale Il rimpatrio dei capitali, da effettuare rigorosamente entro il 15 dicembre 2009, potrà essere effettuato da 36 paesi oltre confine e non varrà esclusivamente su depositi monetari, parole di Entrate!

La nuova Circolare (n. 78/09) dell’Agenzia stabilisce criteri, modalità e ambiti di applicazione della nuova sanatoria fiscale.

Soggetti principalmente interessati dallo scudo saranno naturalmente paradisi come Svizzera, San Marino e Principato di Monaco, territori la cui prossimità ha favorito l’esodo dei principali capitali italiani. Secondo le stime dell'Associazione Italiana dei Private Bankers sui quasi 300 miliardi di euro di tesori italiani oltre confine, 125 miliardi si troverebbero proprio in Svizzera e 86 miliardi di euro in Lussemburgo (Paesi che essendo nella Ue invece risulta nella lista di quelli dove è possibile fare con lo scudo la regolarizzazione e non necessariamente il rimpatrio dei capitali).

Nessun onere della prova
Quanti aderiranno alla sanatoria saranno esenti dall'inversione dell'onere della prova in base alla quale il contribuente deve dimostrare che le attività detenute all'estero non siano frutto di evasione fiscale.

Trust “perdonati”
L'emersione dei capitali illegalmente detenuti all'estero è ammessa anche nel caso in cui le attività siano detenute all'estero per il tramite di trust. Lo scudo fiscale estende la sua protezione alle società di capitali di cui il contribuente che sceglie di sanare i capitali illegalmente detenuti all'estero è il "dominus", ovvero colui che controlla la stessa società. E' prevista la possibilità di accedere allo scudo fiscale anche per le imprese estere controllate (le cosiddette Cfc) con i relativi effetti che si producono in capo al socio persona fisica che ne detiene il controllo.

Case e yacht
Porte aperte anche sulle proprietà immobiliari e di lusso come gli yacht. L’evasione sarà perdonata purchè d’ora in avanti i beni vengano fatti rientrare in dichiarazione. La casa acquistata all'estero anche per solo uso di vacanza "da ora in poi" andrà indicata nella dichiarazione Unico (modulo Rw) non solo se produce redditi imponibili in Italia ma anche se "la produzione dei predetti redditi sia soltanto astratta o potenziale". Stesso discorso vale anche per tutti gli altri beni patrimoniali, come yacht, quadri di valore o gioielli.

Leggi per intero la Circolare n. 78 delle Entrate
Lo scudo punto per punto del Sole 24Ore

  • shares
  • Mail