Casinò negli alberghi a 5 stelle: è questo il turismo?

casino alberghiLa notizia della proposta della Ministra del Turismo Michela Brambilla (nel decreto legge per il sostegno del turismo) di far aprire piccoli casinò negli alberghi a 5 stelle sembra essere stata accolta in modo differente da più parti.

Per il direttore generale di Federalberghi, Alessandro Cianelli, è un sì con riserva. "Il rischio - precisa Cianelli - è che possano ingenerarsi meccanismi pericolosi, soprattutto per ciò che da sempre gira intorno ad alcune case da gioco".

Di differente avviso invece la Fipe, la Federazione dei pubblici esercizi per cui: "Il bilancio statale non può essere risanato con la proliferazione dei casinò. La nascita indiscriminata e senza criteri delle case da gioco non è molto educativa e porterebbe più danni che benefici. E considerata la crisi globale del settore porterà contributi modesti nelle casse dello Stato, né servirà a stimolare la domanda turistica".

"Se il provvedimento all’esame domani al Consiglio dei Ministri dovesse essere approvato, in Italia potrebbero aprire oltre 230 case da gioco disposte a macchia di leopardo sul territorio, senza alcun nesso con il turismo. Fipe ricorda inoltre che il mondo dei casinò sta vivendo un momento di grande difficoltà a livello mondiale e per questo sembra ancora più assurda l’idea di poter fare cassa da un settore in piena crisi".

E voi che ne pensate?

  • shares
  • +1
  • Mail