Risparmio di Natale, un utile vademecum

Risparmio Natale Natale di magra? Certo la crisi non ha risparmiato nessuno e come ogni anno le associazioni consumatori si sbizzarriscono in consigli e decaloghi su come arginare le spese.
Stando all'Osservatorio Nazionale di Federconsumatori e Adusbef i consumi durante le festività saranno più freddi del solito ma ecco i principali consigli per non rinunciare del tutto ai cadeaux natalizi:

1. Per prima cosa stabilite un budget di quanto intendete spendere. In questo modo eviterete di trovarvi in difficoltà, soprattutto in vista delle spese previste con l'arrivo del nuovo anno.
2. Puntate soprattutto sulla creatività, la fantasia ed i prodotti fatti in casa.
3. Per le decorazioni natalizie recuperate quelle degli anni passati, magari con qualche "ritocco creativo" o di affidatevi al fai-da-te.
4. Non aspettate la mattina della Vigilia per fare i vostri acquisti, giocate d'anticipo.

Budget di Natale
Stando alle rilevazioni la tredicesima del 2009 se ne andrà principalmente in tasse, mentre il budget procapite per i regali di Natale sarà solo di 200 euro, il 7% in meno rispetto lo scorso anno, con la speranza che possa diventare di 300 euro qualora passasse il decreto anti tassazione.

Ma come verrà spesa la mini tredicesima? Secondo un sondaggio realizzato dall'Associazione donne e qualità della vita condotto su un panel di 500 famiglie, i risparmi degli italiani verranno suddivisi tra spese vive e omaggi: il 32% sarà destinato al classico pranzo di Natale, che alimenta i momenti di convivialità e rappresenta una tradizione consolidata del Belpaese, mentre il restante 68% verrà invece speso in regali per famiglia e parenti, a discapito di quelli destinati agli amici.

Pochi ma buoni
Addio agli alberi infarciti di regali, con la crisi sarà di moda il monoregalo. La tipologia?
Prevalentemente i tecnologici (28%) per tutta la famiglia: consolle e videogiochi che consentono il divertimento di mamme, papà e figli. Grazie anche agli ultimi nati è possibile spaziare tra milioni di tipologie e di strumentazioni, e in base alle richieste e alle prenotazioni che i commercianti ricevono da mesi, la Nintendo Wii vince su tutte le piattaforme disponibili sul mercato.

Al secondo posto della classifica si piazzano i regali per la casa, come Tv al plasma con digitale terrestre incorporato (18%), seguono i Sistemi Dolby Sorround (13%), la cioccolateria da casa (15%) e la classica macchina per il caffè che prepari anche capuccini, cioccolate calde e tisane (11%). A pari merito, con un 9%, i set da viaggio per tutta la famiglia e le riedizioni speciali di film e serie tv sempre più amate dagli italiani, mentre il 6% preferisce regali più culturali come quadri o complementi d'arredo.

Come si sceglie il regalo giusto?
1. Per quanto riguarda la scelta dei regali ricordate che, riprendendo un noto modo di dire, "quello che conta è il pensiero", il pensiero giusto aggiungeremmo noi.
3. Nel caso non siate sicuri della vostra scelta, per non rischiare di regalare cose superflue, un'ottima soluzione è quella dei buoni regalo: dai libri alla spesa alimentare, dal cinema al teatro, vi è un'ampia scelta di soluzioni, basta informarsi preventivamente sulle abitudini e sui gusti di chi dovrà ricevere il regalo.
4. Cesti natalizi fai da te, i prodotti alimentari, soprattutto in prossimità delle festività, sono sempre apprezzati.
5. "Regali cumulativi", fate cioè un regalo unico per tutta la famiglia, prediligendo oggetti utili, per la casa o per particolari esigenze (come ad esempio buoni spesa, buoni per la benzina, per i libri o per una cena in pizzeria, ecc.).
6. A Natale siamo tutti più buoni, e allora perché non scegliere i nostri regali aiutando allo stesso tempo le popolazioni più disagiate?
8. Una volta acquistati i regali, conservate lo scontrino, che vi permetterà di ottenere dal negoziante la sostituzione se il regalo dovesse risultare difettoso. Avete tutto il tempo per effettuare il cambio, non esiste più, infatti, il termine della segnalazione al venditore entro otto giorni dalla scoperta: il D.lgs 2 febbraio 2002 n. 24 ha stabilito che il consumatore deve denunciare "al venditore il difetto di conformità entro il termine di due mesi dalla data in cui ha scoperto il difetto" e comunque nell'ambito dei due anni di validità della garanzia.

  • shares
  • +1
  • Mail